Transparency: appalti pubblici più efficienti nell’ultimo anno, grazie soprattutto alle aste elettroniche

Transparency International Slovensko (TIS) ha informato che sono aumentati lo scorso anno i partecipanti alle gare pubbliche, ed è anche incrementata la quantità di fondi risparmiati da parte delle amministrazioni pubbliche. Gli acquisti con un solo offerente, secondo i dati diffusi da TIS nell’analisi della qualità degli appalti pubblici nel periodo 2009-2011, si sono ridotti dal 47 al 38% di tutte le gare negli ultimi tre anni, mentre invece il volume di appalti con almeno cinque offerenti è aumentato da un decimo a un quinto. Il risparmio medio rispetto al prezzo stimato della commessa è stato pari al 14% nel 2011, contro solo un 5% nel 2009.

Se nel 2009 erano 2,3 le aziende iscritte nel settore degli appalti pubblici, l’anno scorso sono state 3,6, portando evidenti vantaggi all’economicità e qualità delle offerte. La Slovacchia ha così ridotto il suo ritardo rispetto ad altri paesi dell’UE, dove in media partecipano cinque fornitori alle gare pubbliche, come ha detto il direttore TIS, Gabriel Sipos. Gran parte del merito di questo miglioramento, secondo lui, viene dall’implementazione delle aste elettroniche su grande scala e da procedure più rigide nella licitazione privata, oltre alla crisi economica.

Nella seconda metà dello scorso anno, sono state realizzate aste elettroniche in una gara su quattro, mentre erano una su 140 nel 2009. L’indagine TIS sullo scorso anno dimostra che il risparmio nelle aste è raddoppiato rispetto agli appalti con metodo tradizionale. Il settore pubblico nel 2011 ha assegnato commesse per 2,5 miliardi di euro.

(Fonte webnoviny.sk)

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.