Zuzana Liova vince il Trieste Film Festival con Dom, dramma d’amore di un padre

A conclusione, la scorsa settimana, del Trieste Film Festival, focalizzato sul cinema dell’Europa centro-orientale, è stata premiata al primo posto (Premio Trieste nella sezione lungometraggi) la giovane slovacca Zuzana Liova per “Dom”, film che racconta l’amore di un padre [Imrich] per le figlie. Alle tre ragazze, l’uomo promette di realizzare tre case accoglienti e ospitali. Ma la sua ricerca di perfezione non andrà come previsto, e creerà un vero “muro” tra di loro, una barriera generazionale tra la sua visione e quella delle figlie. «Imrich rappresenta un’intera generazione che ha vissuto il crollo del regime comunista e che si è trovata di fronte alla modernità senza saperla gestire. La casa rappresenta la sicurezza, la realizzazione di sé, un progetto completamente personale», ha detto la regista alla presentazione del film a Trieste. Oggi però, sottolinea, l’idea di indipendenza è legata alla mobilità e alla libertà, che «per i padri sono parole dal significato oscuro».

La sceneggiatura del film era pronta da molti anni ma era stata a riposare in un cassetto prima di poter essere messa sullo schermo nel 2011 dalla stessa autrice. Aveva già vinto un premio per la sceneggiatura in Slovacchia nel 2003, e un Premio Krzysztof Kieslowski a Cannes nel 2007. Zuzana Liova, di Zilina, ha studiato sceneggiatura e script editing all’Accademia di arti teatrali e musica di Bratislava (VSMU). Prima di Dom ha realizzato nel 2005 un film per la tv che ha riscosso un certo successo, Ticho (Silenzio), e ha lavorato molto come sceneggiatrice per la televisione in Slovacchia.

Il film Dom, in coproduzione tra Slovacchia (la radio-televisione pubblica RTVS) e Repubblica Ceca, ha già partecipato a una trentina di festival cinematografici in giro per il mondo, vincendo tra gli altri il premio New Voices/New visions al prestigioso Palm Springs International Film Festival. A Trieste il premio includeva anche una dotazione di 5.000 euro.

(La Redazione)

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.