Namestovo, cede tetto di palazzetto del ghiaccio, illesi i ragazzini in allenamento

Si è verificato l’altro giorno un incidente che avrebbe potuto avere conseguenze serie a Namestovo, nell’estremo nord della Slovacchia, quando la copertura isolante del tetto del palazzetto del ghiaccio è crollata. In quel momento sulla pista ghiacciata si stava allenando la squadra giovanile locale che ospitava eccezionalmente il campione 36enne slovacco Richard Zednik. Per fortuna tutti i ragazzini e i presenti sono usciti con prontezza mentre il tetto stava cedendo e nessuno è rimasto coinvolto.

Il cameraman della Tv Orava Thomas Brno, che si trovava in quel momento sul ghiaccio per riprendere gli allenamenti, ha detto all’agenzia di stampa Sita che «è successo tutto molto rapidamente e in un primo momento non ci siamo nemmeno resi conto di cosa stava succedendo». Per fortuna, ha detto l’operatore, «i genitori a bordo pista hanno iniziato a gridare ai loro figli di fuggire» e così tutti sono usciti velocemente dalle porte di emergenza. La maggior fortuna, ha detto Brno, è stata che «il tetto ha cominciato a cadere dall’altra parte del complesso e Zednik e i genitori hanno aiutato a portare i bambini in sicurezza». Il tetto, come si vede proprio dalle immagini girate dall’operatore, è caduto a poco a poco, lasciando così il tempo ai presenti di evacuare. In realtà i bambini si sono dapprima rifugiati fuori dal bordo della pista, corridoio comunque sicuro visto che il cedimento ha interessato soltanto il centro del complesso, lasciando i lati percorribili.

In un comunicato inviato ai media, il manager del complesso e del club di hockey giovanile Altis, Filip Fedak, ha ringraziato i presenti per la presenza di spirito nel lasciare il palazzetto, e ha spiegato che, secondo i primi rilievi fatti dagli esperti, non ci sarebbero state violazioni o errori nell’installazione del sistema di isolamento, che era asciutto, ma l’interno del complesso era a temperatura sotto lo zero, il che avrebbe provocato il congelamento del vapore acqueo sul piano interno del soffitto, dove il ghiaccio si sarebbe accumulato. Questa situazione, si evince dal comunicato, non sarebbe stata prevista in fase di costruzione.

Il palazzetto sarebbe stato inaugurato appena nel novembre scorso e la polizia ha aperto un’inchiesta per chiarire le cause dell’incidente.

Richard Zednik ha a lungo giocato nella NHL americana, e anche nella squadra russa del Lokomotiv, il team sterminato da un incidente aereo lo scorso anno che ha lasciato 43 vittime sul terreno, tra le quali l’ex capitano della nazionale slovacca Pavol Demitra.

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetto" nel banner a fondo pagina"

(La Redazione)

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.