Disponibile la guida in italiano “Investire in Slovacchia” prodotta da CCIS

È stata presentata martedì 17, presso la sede Kpmg di Bratislava, la nuova guida agli investimenti in Slovacchia realizzata in collaborazione dalla Camera di Commercio Italo-Slovacca. L’incontro, tenutosi in una Bratislava imbiancata da una neve tarda, è stato aperto dal presidente della CCIS, Ignacio Jaquotot, che ha esordito con un adagio molto noto nel real estate. Qual è il fattore cruciale per un immobile? Risposta: location, location, location. La stessa risposta, ha proseguito Jaquotot, la si può applicare anche ad un’altra domanda, quella che si fa un imprenditore quando deve fare i suoi bei conti per un investimento in un Paese straniero. Una risposta, del resto, che abbiamo già sentito ultimamente dalle imprese che hanno testimoniato alla recente conferenza tenuta da UniCredit con il quotidiano economico Hospodarske Noviny lo scorso novembre.

Dunque, la localizzazione della Slovacchia nel bel mezzo dell’Europa, come ricorda la guida nelle prime pagine, è certamente la ragione più visibile e attuale per cui tanti investitori sono arrivati qui in questi anni. E gli italiani non sono stati a guardare: l’Italia, che è tra i primi partner commerciali, è storicamente il terzo Paese investitore, ha ricordato il presidente CCIS visibilmente soddisfatto per la nuova pubblicazione, che va ad aggiungersi al Tax Book 2010 aumentandone i contenuti grazie all’esperienza dell’Investment Guide in lingua inglese realizzata da Kpmg Slovakia, il cui managing partner Lubos Vanco ha affermato essere un prodotto ormai affermato arrivato alla sua 15esima edizione.

La guida in italiano “Investire in Slovacchia” è studiata per gli investitori e i manager di aziende italiane che intendono fare affari nel Paese e la si può trovare presso la CCIS ed altre istituzioni, e per chi venisse a visitarci è disponibile anche presso la nostra sede. Chi non potesse recarsi fisicamente in uno di questi luoghi può sfogliare il manuale anche sul web a questo indirizzo.

Tra i capitoli sviluppati nella pubblicazione troviamo “Perché la Slovacchia?”, “Il mercato del lavoro”, gli “Incentivi agli investimenti”, “Vivere e lavorare in Slovacchia” e i “Rischi geografici degli investimenti diretti”, che sono seguiti da un’ampia documentazione in appendice, che estende il contenuto ad aspetti giuridici, legali, societari e fiscali per un totale di un centinaio di pagine.

(P.S.)

Articoli più letti

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.