Nuovo presidente per l’azienda statale VOP Novaky e nuova commessa per dismissioni di armi

Dopo aver licenziato il capo del CdA e l’intero consiglio di sorveglianza dell’azienda statale della difesa VOP Novaky, il Ministero della Difesa ha trovato un accordo con Sitno Holding, società privata dell’ex Ministro dell’Economia Ludovit Cernak, per la restituzione del prestito concesso da quest’ultima di 70.000 alla società di Novaky. Lo ha annunciato il Primo Ministro Iveta Radicova, che guida ad interim il Ministero della Difesa da quando Lubomir Galko è stato sfiduciato a seguito dello scandalo intercettazioni realizzate dall’intelligence militare su alcuni giornalisti.

La Radicova ha specificato che le due parti hanno convenuto di annullare il contratto fatto tra VOP e Sitno settimane dopo il prestito. Il contratto concedeva a Sitno la disponibilità di proprietà della società statale in caso di mancato rispetto dei termini di restituzione del prestito.

Nel frattempo, la Premier ha anche provveduto a confermare la decisione dell’assemblea di VOP che ha nominato un nuovo presidente del CdA nella persona di Jozef Briestensky, funzionario del Ministero della Difesa. E ha deciso di aumentare la commessa di Stato per VOP per la disattivazione di munizioni anti-aeree a 1,3 milioni di euro, dai quali VOP potrà rimborsare i 70.000 di debito verso Sitno Holding, presi a settembre e ottobre per pagare gli stipendi dei suoi dipendenti. I beni immobiliari che sarebbero stati ceduti a Sitno in caso di ritardi nel reso del prestito comprendono nove aree di stoccaggio e uno dei quattro capannoni di produzione di VOP.

(Fonte Tasr/Sme)

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.