Commissione per le minoranze vuole discutere dello scontro di Capodanno a Zlate Moravce

La Commissione parlamentare per i diritti umani e le minoranze dovrebbe discutere l’incidente accaduto alla vigilia di Capodanno a Zlate Moravce che ha coinvolto la comunità rom locale. La presidente della Commissione, Anna Belousovova, intende discutere la questione nella prossima sessione parlamentare. La Belousovova ha già incontrato venerdì la presunta vittima, i rappresentanti della città e la Polizia, e vuole invitare il presidente del Corpo di Polizia Jaroslav Spisiak a riferire la Commissione sull’indagine. Secondo la Belousovova anche i rappresentanti del comune avrebbero partecipato.

La vittima dello scontro ha subito estese lesioni e non ricorda nulla della vicenda dato che è stato colpito forte alla testa e poi qualcuno lo ha trascinato via. «Ci sono diverse versioni [dei fatti], e noi chiediamo che il caso sia indagato oggettivamente per fare uscire la verità. E se era un attacco razzista dei Rom, possa allora essere valutato come tale», ha detto la Belousovova. Si è detta sorpresa che soltanto alcune delle vittime dell’attacco sono disponibili a testimoniare e che solo due di loro hanno sporto denuncia. Lei dice che si tratta di un’indicazione che le vittime hanno paura.

Dall’inizio dell’anno le relazioni tra la comunità Rom di Zlate Moravce e il resto della popolazione sono tese per uno scontro nel giorno di Capodanno a seguito del quale sette persone hanno dovuto essere portate in ospedale. Secondo le informazioni originali sull’incidente come riportate dai media, un gruppo di rom avrebbe aggredito e ferito molti cittadini della zona che non sono di etnia rom nel quadro di una maxi-rissa. Ma l’associazione civica Gente contro il razzismo suggerisce una versione diversa dei fatti e si è fatta avanti affermando che il Sindaco Peter Lednar nel suo discorso di Capodanno ha ripetutamente fatto commenti razzisti sulla necessità di proteggere a Zlate Moravce ciò che egli chiama la “razza bianca” dai parassiti. Secondo un testimone, il sindaco aveva apparentemente bevuto. Sia la Polizia che l’Ispettorato del Ministero degli Interni stanno indagando sull’incidente.

Il movimento di estrema destra Slovenska Pospolitost (fratellanza slovacca) aveva pianificato una manifestazione di protesta in città per sabato, che era stata condannata dalla Belousovova. «Una manifestazione di estremisti non porta niente a nessuno. Al contrario, potrebbe anche aumentare le tensioni», ha detto, sottolineando che l’unica soluzione è far sì che la legge sia valida per tutti allo stesso modo. Lei ha raggiunto la conclusione, insieme ai rappresentanti della città, che i problemi con i rom sono una bomba a orologeria che sta per esplodere in tutto il Paese. Non è più soltanto un problema delle regioni più orientali della Slovacchia, ha detto, ma si sta lentamente avvicinando a Bratislava, citando i recenti attriti di Malacky e Plavecky Strvrtok come esempio.

(Fonte webnoviny)

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

dicembre: 2017
L M M G V S D
« Nov    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

ARCHIVIO

Dal diario di una piccola comunista

pubblicità google