Vendemmia 2011: la Francia sorpassa l’Italia nella produzione mondiale, segue la Spagna

Sono Francia, Italia e Spagna i paesi che hanno realizzato una vendemmia più ricca nel 2011. Lo rileva la raccolta Vino in cifre di Ismea-Uiv, la consueta raccolta di statistiche del settore vitivinicolo mondiale pubblicata la scorsa settimana da Winenews. La Francia balza oltre i 50,2 milioni di ettolitri (+11% sul 2010), seguita dall’Italia che, complice una vendemmia particolarmente scarsa, si attesta poco al di sopra dei 40 milioni di ettolitri. La Spagna, nonostante un calo di oltre il 2% sul 2010, ha prodotto 39,9 milioni di ettolitri e si piazza terza.

Quarto produttore mondiale gli Stati Uniti, con 18,7 milioni di ettolitri (-6%). Al quinto posto l’Argentina a 14,6 milioni di ettolitri (-10%). Al numero 6 l’Australia, che si mantiene in linea con la produzione 2010. Settimo, ma decisamente in crescita, il Cile (+15,5%) con oltre 10 milioni e mezzo di ettolitri. Superano la soglia dei 10 milioni di ettolitri anche la Cina (10,4), ottava e il Sudafrica, con una vendemmia cresciuta del 2% sul 2010.

Dopo un 2010 fortemente negativo crescono anche Germania (+28%) e Austria (+45%), ma anche i paesi dell’Est-Europa: Romania (+31%), Bulgaria (+55%), Ungheria (+27%), Repubblica Ceca e Slovacchia.

Nel frattempo in Italia la produzione di vino ha subito un calo record con una vendemmia nel 2011 inferiore a quella dell’anno prima di ben il 14%, e una produzione attorno ai 40 milioni di ettolitri, come comunicava nei giorni scorsi Coldiretti confrontandosi con i dati Istat sulla produzione industriale sulla base delle stime Ismea, che attestano in ogni caso la buona qualità del Made in Italy.

Sul piano qualitativo, secondo Coldiretti, oltre il 60% della produzione è stata destinata ad uno dei 517 vini Docg, Doc e Igt riconosciuti in italia.

Ottimi risultati si sono registrati nella vendita di vino italiano all’estero, con un aumento record nel 2011 delle esportazioni, che sono aumentate del 25%. Ora si acquista più vino italiano all’estero che in Italia, come emergeva da un’analisi Coldiretti su dati Ismea-AcNielsen: nel 2010 sono stati esportati 21,5 milioni di ettolitri di vino a fronte di un consumo nazionale di 21 milioni di ettolitri. Questo sorpasso, considerabile come storico, è stato confermato nel 2011 con acquisti interni in calo in quantità dell’1% mentre le esportazioni sono cresciute di quasi il 16% solo nel primo semestre del 2011. Se gli italiani comprano meno vino italiano, vanno però a fare una maggiore attenzione alla qualità, considerando che gli acquisti sono aumentati di quasi l’1% nei primi otto mesi 2011.

È, dice Coldiretti, il risultato di una tendenza che ha portato praticamente a dimezzare negli ultimi 30 anni il consumo di vino in Italia.

(La Redazione, Fonte Aise/Winenews)

Vendemmia 2011: la Francia sorpassa l’Italia nella produzione mondiale, segue la Spagna

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

dicembre: 2017
L M M G V S D
« Nov    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

ARCHIVIO

Dal diario di una piccola comunista

pubblicità google