Uscita la classifica della valutazione 2011 delle facoltà slovacche

È uscito a fine anno il rapporto dell’Academic Ranking and Rating Agency (ARRA), che classifica le facoltà delle università slovacche già dal 2005, con l’obiettivo di aiutare i diplomati della scuola superiore a decidere sulla scuola da frequentare per continuare gli studi. La classifica, a sentire la filiale slovacca di ARRA, è basata su informazioni accessibili al pubblico e verificabili.

Quest’anno l’analisi si è concentrata su 109 facoltà, cinque delle quali presso università private, divise poi in 11 categorie accademiche in base alle specializzazioni. La classifica finale si basa su una valutazione finale di diversi fattori per ciascuna facoltà, con particolare attenzione a formazione e ricerca.

Nell’area istruzione, l’agenzia guarda al rapporto tra studenti e insegnanti e all’attrattiva dei programmi di studio, mentre nel settore ricerca viene valutato il numero di pubblicazioni e di citazioni ottenute dalla facoltà, la disponibilità di borse di studio e se esiste o meno un programma di dottorato. I criteri sono cambiati nel corso del tempo come da tendenze internazionali per la valutazione delle università, e quest’anno sono stati introdotti quattro nuovi criteri di valutazione: la mobilità degli studenti, il tasso di disoccupazione dei laureati, il numero di studenti iscritti a un dottorato e il numero totale di pubblicazioni e citazioni.

Al top della classifica nei vari gruppi sono istituti o dipartimenti che hanno in genere molti professori di ruolo e associati e un rapporto ridotto di studenti per docente, ricevono borse di studio nazionali ed estere, fanno pubblicazioni di qualità e hanno un alto numero di studenti di dottorato, come ha detto Ivana Kullova di ARRA in uno speciale del quindicinale The Slovak Spectator. Le scuole private hanno svantaggi rispetto alle università pubbliche, in particolare nella valutazione del settore ricerca, ha detto la Kullova, ma hanno ricevuto valutazioni molto buone nella categoria istruzione, avendo un rapporto molto basso di studenti per insegnante e un gran numero di professori e professori associati. La Facoltà di Giurisprudenza della privata Paneuropska vysoka skola (Università Pan-Europea) di Bratislava ha mostrato il maggior numero di stranieri studenti, per esempio.

Ci sono facoltà che, a prescindere dalla modifica dei criteri di valutazione, mantengono da anni la prima posizione nella loro categoria, come la Facoltà di Agraria dell’Università di Medicina Veterinaria e Farmacia a Kosice, che è da diversi anni al top della propria categoria. Un’altra facoltà che è costantemente al top della classifica è la Facoltà di Chimica e Tecnologie Alimentari (FCHPT) dell’Università Tecnica Slovacca a Bratislava, istituto che secondo il decano Jan Sajbidor ha un sistema di regole chiare per valutare i risultati delle ricerche della facoltà e il lavoro degli insegnanti, contribuendo alla competitività dell’intera università, ed ha anche una buona collaborazione con università straniere. Ci sono anche nuovi arrivati al top, come la Facoltà di Lettere dell’Università P.J.Safarik a Kosice, che ha preso la prima posizione nella categoria Facoltà di Filosofia, e che ARRA ha elogiato per l’elevato numero di pubblicazioni apparse in banche dati internazionali. Ci sono ora anche diverse facoltà della privata Università Pan-Europea di Bratislava nella parte alta della classifica: la sua Facoltà di Economia e Commercio e la Facoltà di Giurisprudenza sono risultate tra le cinque migliori in queste categorie.

Il metodo utilizzato da ARRA, pur piuttosto completo, manda di un criterio importante, secondo il direttore della sezione istruzione dell’Istituto di politica economica (IHP), Lucia Klestincova: il parere dei datori di lavoro. Le imprese, secondo la Klestincova, dovrebbero dare il loro giudizio «sul grado di preparazione degli studenti nel lavoro pratico e sui problemi che i datori di lavoro affrontano quando assumono nuovo personale», recita un comunicato del think thank privato in un comunicato stampa a commento della valutazione ARRA per il 2011. La Kullova dell’Agenzia ha ammesso a Slovak Spectator che è importante sapere cosa pensano i datori di lavoro sulla preparazione degli studenti per la vita lavorativa, ma lei non pensa che sarà possibile includere questo criterio nelle valutazioni, dato che i dati debbono essere verificabili e quantificabili.

Nelle varie sezioni, rimane in testa la Comenius di Bratislava, la più grande università in Slovacchia, con 11 facoltà tra le prime cinque di ogni categoria. Seguono a grande distanza l’Università di Agraria di Nitra con 5 facoltà, l’Università di Banska Bystrica, la P.J.Safarik di Kosice e l’Università di Trnava con 4, mentre l’Università Costantino il Filosofo di Nitra, la Tecnica di Zvolen e l’Università di Presov hanno tre delle loro facoltà nelle prime cinque posizioni delle rispettive categorie.

Il punteggio più alto ottenuto da una facoltà universitaria nella valutazione 2011 è stato quello della Facoltà di Scienze dell’Università P.J.Safarik di Kosice, che ha vinto la sua categoria con un punteggio complessivo di 83,5 su 100, seguita dalla Facoltà di tecnologia chimica e alimentare dell’Università Comenius di Bratislava con 80,7.

Il punteggio massimo di 100 è stato raggiunto da alcuni istituti soltanto per il criterio di valutazione che riguarda le pubblicazioni e citazioni in banche dati internazionali. Si tratta della Facoltà di Tecnologia chimica e alimentare e della Facoltà di Filosofica della P.J.S. di Kosice, della Facoltà di Pedagogia dell’Università di Trnava, della Facoltà di Teologia della Comenius di Bratislava. E solo in un caso, quello della Facoltà di Educazione Fisica e Sport della Comenius di Bratislava, nel parametro “insegnanti e studenti”.

(Fonte The Slovak Spectator/La Redazione)

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

dicembre: 2017
L M M G V S D
« Nov    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

ARCHIVIO

Dal diario di una piccola comunista

pubblicità google