Baki Sadiki forse non più in Kosovo, ma la Slovacchia ne vuole l’estradizione

Dal quotidiano SME di Sabato si apprende come la Slovacchia stia guardando alla missione EULEX in Kosovo per un aiuto nell’intento di ottenere l’estradizione del presunto boss della droga Baki Sadiki (colpevole secondo la giustizia slovacca di traffico e produzione di droga in Slovacchia), che è ricercato dall’Interpol ed è ritenuto aver trovato rifugio in Kosovo.

La missione EULEX (European Union Rule of Law Mission in Kosovo), realizzata dall’UE nel Dicembre 2008 a seguito della risoluzione 1244 del Consiglio di Sicurezza dell’ONU, e prorogata dieci giorni fa al 2012, è la più vasta missione civile mai lanciata dall’Unione, e il suo compito e’ di dare assistenza alle istituzioni e alle autorita’ giudiziarie del Kosovo per la creazione di uno Stato di diritto.

Il presunto boss mafioso albanese Baki Sadiki era ritenuto trovarsi in Kosovo già dal 5 Maggio, e il 17 Maggio scorso la giustizia slovacca ha presentato richiesta di estradizione alle autorità kosovare.

EULEX ha già richiesto l’estradizione al Ministro della Giustizia del Kosovo ma non ha ricevuto risposta. Viera Petrikova (LS-HZDS), Ministro della Giustizia slovacco,  ammette che la Slovacchia potrebbe avere qualche difficoltà nell’ottenere la consegna di Sadiki, non avendo riconosciuto la indipendenza – dichiarata unilateralmente – del Kosovo dalla Serbia. Per questa ragione la Slovacchia aveva chiesto per primo l’estradizione alla Serbia, che però non ha più giurisdiione sul territorio della sua ex-provincia autoproclamatasi indipendente. Maria Kolikova, avvocato, pensa che Sadiki possa comunque già essere uscito dal Kosovo dopo la pubblicità data alla sua nuova residenza.

All’inizio del mandato del governo uscente Sadiki divenne un caso celebre in Slovacchia, quando fu pubblicata una conversazione telefonica con l‘ex Ministro della Giustizia (oggi presidente della Corte Suprema) Stefan Harabin, che rivelava i rapporti piuttosto amichevoli tra i due uomini. Il quotidiano Pravda aveva riportato alla fine di Marzo che, secondo una fonte vicina al team di indagine speciale, Sadiki si era nascosto in Albania. Il portavoce del Ministero dell’Interno Erik Tomas si era rifiutato allora di commentare il caso

(Fonte TASR, La Redazione)

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

dicembre: 2017
L M M G V S D
« Nov    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

ARCHIVIO

Dal diario di una piccola comunista

pubblicità google