La Banca Centrale taglia al 2,3% le previsioni di crescita del PIL in Slovacchia nel 2012

Dopo le numerose correzioni fatte da vari soggetti economici e politici alle previsioni della crescita del PIL slovacco per il prossimo anno, la Banca Centrale della Slovacchia (NBS) se ne è uscita ieri con l’ultima revisione al ribasso, che mostra un’aspettativa di crescita economica nel 2012 al 2,3%, ben peggiore della precedente prognosi che dava la crescita al 3,8%, ma sempre superiore a quelle fatte da altre istituzioni finanziarie. L’aggravarsi corrente della crisi del debito in Europa, e le previsioni più recenti di performance del prodotto interno lordo del Paese rendevano ormai irrealistica la precedente stima di NBS.

La Banca Centrale ha inoltre rivisto le sue stime di crescita del PIL nel 2013 dall’originale 5,1% al 3,5%. Alcune banche in Slovacchia hanno anche detto chiaro e tondo che non si può affatto escludere una (moderata) recessione già a partire dall’anno prossimo. Secondo le più recenti prognosi della Commissione Europea, il PIL slovacco crescerà dell’1,1% nel 2012, mentre il Ministero delle Finanze crede in qualcosa di più, un aumento dell’1,7% rispetto alla precedente stima del 3,4%. In ogni caso, con i tempi che corrono, l’economia slovacca sarà probabilmente ancora una delle più performanti in Unione Europea ed Eurozona.

(La Redazione)

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.