Pravda: troppi laureati in campo umanistico e sociale, il mercato del lavoro chiede qualifiche tecniche

Se il sistema educativo slovacco non riesce a reagire velocemente alle esigenze del mercato del lavoro domestico, scriveva ieri dando grande spazio all’argomento il quotidiano Pravda, la Slovacchia potrebbe finire per avere un gran numero di inutili avvocati, economisti, filosofi e chef, tutti disoccupati, mentre soffre di una grave carenza di lavoratori qualificati, chimici e sarti.

C’è già una carenza sul mercato di persone con competenze adeguate, e gli esperti stanno indicando il problema da anni, ma nulla è stato fatto nel frattempo, anzi, va sempre peggio. Mentre è cresciuta l’offerta per lavoratori con competenze tecniche, le università del Paese stanno sempre più sfornando laureati nel campo delle scienze sociali.

Nel 2003 circa il 56% dei laureati provenivano da discipline umanistiche e il 2% da materie tecniche. Lo scorso anno queste cifre erano cambiate in peggio, con l’aumento della prima al 63% e il calo della seconda al 18%, sottolinea Pravda.

(Fonte Pravda)

Articoli più letti

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.