In mostra a Roma tre artisti sul tema della rielaborazione della memoria centroeuropea

Si tiene lunedì 12 a Roma, come da programma dell’Istituto Slovacco per il mese di dicembre, l’inaugurazione della mostra „Reworking Memories“ che allinea le opere recenti di tre artisti dell´Europa Orientale: Agniezka Polska dalla Polonia, Nika Neelova dalla Russia e Svatopluk Mikyta dalla Slovacchia. I lavori in mostra si riferiscono al processo di acquisizione, rielaborazione e distorsione dei racconti storici più popolari di oggi e le modalità di riportare storie individuali trascurate. Gli artisti compiono un’azione di manipolazione del linguaggio e della memoria, mettendo in discussione la registrazione più autentica della memoria della gente. Nelle loro pratiche, ogni artista focalizza l’attenzione sulle potenzialità degli “archivi” reali o fittizi, collettivi o privati, per ri-raccontare nuove narrazioni.

Lo slovacco Svatopluk Mikyta ha una forte identità centro-europea, e indaga e re-interpreta l’impatto visivo delle immagini prodotte nel corso di differenti regimi totalitari nella regione nel XX secolo. L’intervento site-specific di Mikyta, Society I e Society II, sono riproduzioni fotografiche trovate su vecchi libri e riviste rielaborati con varie tecniche di sovrapposizione. I suoi interventi, è scritto nel testo curatoriale, sono così raffinati che danno luogo a qualcosa di totalmente nuovo in termini di composizione e tema.

La mostra é organizzata dalla Federica Schiavo Gallery in collaborazione con l’Istituto Slovacco a Roma.

Dove: Federica Schiavo Gallery, Piazza Montecitorio 16, Roma http://federicaschiavo.com
Quando: apertura istituzionale il 12/12/2011

Orari: fino al 28/1/2012, aperta da martedì a sabato dalle 12:00 alle 19:00

Articoli più letti

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.