Investimenti: Governo divide la Slovacchia in cinque zone per gli aiuti agli investimenti

Il Governo ha passato ieri una risoluzione in materia di limiti agli stimoli per gli investimenti che divide i distretti slovacchi in cinque zone in base ai tassi di disoccupazione locale. Il volume degli incentivi da parte dello Stato dipenderanno principalmente dal tasso di disoccupazione, e in seconda battuta dal settore in cui gli investitori intendono impiegare il loro denaro. Secondo la norma, la maggior quota di aiuti andranno agli investimenti in settori ad alto valore aggiunto fatti in aree con bassi livelli di attività economica e elevata disoccupazione.

Le aziende, sia slovacche che straniere, riceveranno in gran parte aiuti sotto forma di sgravi fiscali. I contributi per l’acquisto di immobilizzazioni materiali e immateriali saranno utilizzati solo in casi particolari per progetti che soddisfano i criteri definiti dalla legge come di importanza strategica. Non è prevista alcuna politica di incentivi nei distretti in cui i tassi di disoccupazione sono relativamente bassi.

«Per i piani di investimento con costi inferiori a 50 milioni di euro la proposta di assistenza massima può essere aumentata del 20% nel caso delle piccole imprese e del 10% per quelle di medie dimensioni [a determinate condizioni]. Per gli stimoli agli investimenti in settori ad alto valore aggiunto con costi inferiori a 50 milioni, la proposta di livello di assistenza massima può essere aumentata del 15%», si legge nella proposta.

La risoluzione del Governo entrerà in vigore il 1° gennaio 2012.

(La Redazione)

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.