Dzurinda: abbiamo le scuse dell’Etiopia, ora l’Ambasciatore Dubcek può ritornare ad Addis Abeba

L’Ambasciatore slovacco in Etiopia Milan Dubcek, è rientrato in Patria tre settimane fa per “consultazioni” in seguito al suo arresto e successivo rilascio nella capitale Addis Abeba nonostante il suo passaporto diplomatico, dovrebbe tornare all’Ambasciata nel giro di pochi giorni. Dopo una richiesta formale di scuse e garanzie chieste dal Ministro degli Esteri Mikulas Dzurinda, alla quale ha fatto seguito una simile sollecitazione da parte dell’Alto Rappresentante UE per gli Affari Esteri Catherine Ashton, il Ministro slovacco ha informato ieri che la delegazione dell’Unione Europea ad Addis Abeba ha ricevuto le scuse da parte del Ministero degli Affari Esteri etiope il 24 novembre.

Nella comunicazione dell’Etiopia si afferma che il problema era che Dubcek (figlio del padre della Primavera di Praga Alexander) era fuori per un giro in città senza i suoi documenti di identità, e gli agenti di Polizia etiopi non hanno potuto identificarlo. «L’Etiopia ha assicurato che rimuoverà le falle del suo sistema e garantisce che tali incomprensioni non si ripeteranno in futuro», ha detto Dzurinda. Ora, ha specificato il Ministro, «noi riteniamo sufficienti la spiegazione e le scuse».

Dubcek era stato arrestato il 5 novembre e trattenuto per due giorni dalle autorità etiopi senza fornire spiegazioni né permettergli di comunicare con la famiglia o con la sua missione diplomatica. Una prima risposta del Governo etiope ad una prima istanza slovacca era stata giudicata insoddisfacente dal Ministro Dzurinda che si era poi appellato anche alle autorità dell’Unione Europea.

(La Redazione)

Articoli più letti

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.