Rocco Buttiglione dell’UDC a Bratislava in visita all’omologo presidente di KDH Jan Figel

«Non so da quanto tempo, ma conosco Jan (Figel – ndr) da molto tempo», ha detto ieri Rocco Buttiglione in visita al collega a Bratislava. Una volta, ha detto il politico italiano, facevo il “contrabbandiere”. Nascondevo libri proibiti che portavo nei paesi comunisti e riportavo con me manoscritti, ha spiegato Buttiglione delle sue relazioni negli anni della Cortina di ferro.

Amico personale del leader del Movimento Cristiano Democratico (KDH), il politico e accademico italiano, oggi presidente dell’Unione dei Democratici Cristiani italiani, ha detto in una conferenza stampa dopo l’incontro con Figel che i due hanno una visione comune dei maggiori temi internazionali e nazionali. Hanno parlato di crisi del debito e della caduta dei governi in entrambi i paesi. Abbiamo una grave crisi, ha detto Buttiglione del nostro Paese, ma «l’Italia è tuttavia un grande Paese con un’economia particolarmente forte. Con l’eccezione della Germania, abbiamo il deficit più basso in Europa», ha osservato, e se il debito pubblico italiano è troppo alto, c’è modo di ridurlo. Il settore privato in Italia, ha detto Buttiglione, ha ancora grande capacità di risparmio.

Nel programma di Rocco Buttiglione c’è stata anche una riunione di lavoro con l’attuale Presidente del Parlamento Pavol Hrusovsky, dello stesso partito KDH.

(La Redazione)

Articoli più letti

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.