Christmas Bazar meno pieno del solito, ma il tavolo italiano ha dato buoni risultati

Si è tenuto ieri a Bratislava il 21° Christmas Bazar, evento annuale di beneficenza organizzato dall’International Women’s Club (IWC), che proprio questo autunno compie vent’anni dalla sua fondazione. L’IWC è un’associazione multiculturale e multinazionale di donne che vivono in Slovacchia e che vogliono essere attive nel campo sociale e culturale.

Il Bazar di Natale è diventato nel corso del tempo l’evento benefico più importante che coinvolge la comunità internazionale. Anche quest’anno sono moltissimi gli slovacchi – e gli stranieri – che si sono assiepati intorno alle bancarelle del Bazar presso la sede di Stara Trznica, in piazza SNP, per acquistare prodotti per sé o da regalare in vista del Natale, e così dare un piccolo contributo alla raccolta di fondi per scopi caritativi. L’IWC destina poi tutti gli incassi ad opere benefiche all’interno del Paese, in genere favorendo l’acquisto di apparecchiature mediche per cliniche pediatriche o beni durevoli per strutture per orfani.

Cibi, vestiario, libri e oggetti dai quattro angoli del pianeta erano anche quest’anno in bell’ordine sulle tante bancarelle presenti, una per ogni missione diplomatica accreditata nel Paese, oltre ad alcune di organizzazioni benefiche internazionali e nazionali.

Il gruppo di volontarie che da anni si occupa di preparare l’evento per l’Italia anche quest’anno si è dato da fare con molta caparbietà, anche se i tempi sono quelli che sono e i donatori si sono ridotti rispetto agli scorsi anni. Nel complesso, però, ci dicono che sono abbastanza soddisfatte, dopo essersi auto-tassate per acquistare prodotti che, insieme alle donazioni di oggetti e altri prodotti, hanno fatto fare comunque una buona figura alla bancarella italiana (che da anni era quella che incassava di più), arrivando a mettere in cassa circa 2.600 euro, sicuramente inferiori agli importi arrivati anche da donazioni negli anni scorsi. Ad aprire il mercatino, come al solito, è stata la First Lady Silvia Gasparovicova. Non è ancora noto l’incasso totale della manifestazione, che lo scorso anno è stato di circa 80 mila euro con la presenza di 36 rappresentanze. Un brave alle nostre “ragazze” che hanno lavorato per settimane per arrivare a questo risultato.

Qui i donatori dell’edizione 2011:

Antica Toscana
Buongiorno Slovacchia / Slovakia Group
Casa Vinicola della Rosa
Edas
Enel – Slovenske Elektrarne
Eni
Ferrero
Idea uno
Istituto Italiano di Cultura
La Lanterna
Marino Mersich
Medea Team
Rb company

Nel corso della raccolta sono stati anche venduti biglietti di lotteria, i cui numeri vincenti sono rintracciabili a questo indirizzo, e i cui premi sono ritirabili nel corso dei prossimi giorni.

L’IWC è un circolo di signore straniere, o mogli di stranieri che lavorano in Slovacchia. Tra le molte attività settimanali, in genere nei giorni feriali, vi sono corsi di lingue (slovacco, inglese, russo, italiano),  o appuntamenti più sociali per partite a bridge o tennis o dedicate a giochi di società e hobbies. Maggiori informazioni sul club le potete trovare qui http://www.iwc.sk.

(La Redazione)

(Fotografie: 1. il tavolo quest’anno, 2. la First Lady Silvia Gasparovicova al tavolo Italia nel 2010)

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

dicembre: 2017
L M M G V S D
« Nov    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

ARCHIVIO

Dal diario di una piccola comunista

pubblicità google