Il centro-destra riformerà le pensioni

A prescindere da chi sarà il nuovo Ministro del Lavoro, il sistema pensionistico subirà grandi cambiamenti, dice il quotidiano Pravda. La questione è solo come questi cambiamenti verranno introdotti. Tutti e quattro i partiti di centro-destra, che hanno la maggioranza parlamentare e sono destinati probabilmente a governare per i prossimi quattro anni, vogliono modificare le condizioni di concessione delle pensioni. La portata di questi emendamenti è in corso di negoziato tra i quattro di centro-destra (SDKU-DS, SAS, KDH e Most-Hid). Secondo le informazioni del quotidiano, il primo passo potrebbe essere il cambio di valorizzazione. Passi ulteriori potrebbero essere la modifica del calcolo della pensione e l’introduzione della pensione minima. «Penso che ci troveremo d’accordo sulla modifica del calcolo della pensione, nonché sulla modifica della valorizzazione», ha detto Ivan Svejna per Most-Hid, che ha anche commentato l’aumento dell’età pensionistica, secondo lui inevitabile, prima o poi. Svejna ha tuttavia ammesso che la questione non deve necessariamente essere risolta in questo periodo elettorale. «Non possiamo far finta che non sia un problema. Anche se nessuna delle parti ha un aumento dell’età pensionistica nel loro programma, i quarantenni devono essere consapevoli del fatto che andranno in pensione dopo i 62 anni », ha detto Svejna al quotidiano.

(Fonte Pravda)

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.