Castello di Bratislava quasi pronto, ma non ci sono fondi per terminarlo e aprirlo al pubblico

La complessa ristrutturazione del Castello di Bratislava non è lontana dal completamento, ha detto lunedì il capo della segretaria dell’Ufficio del Parlamento, Andrej Kramar, ma non ci sono abbastanza soldi per ultimarla con il bilancio del Parlamento, che è responsabile per il mantenimento del Castello dal punto di vista storico.  Kramar ha parlato mentre accompagnava i giornalisti in una visita ai lavori. «Sono stati investiti circa 65 milioni di euro ed è quasi possibile iniziare a utilizzarne i locali. Dobbiamo solo fare un piccolo ultimo passo, che è quello di arredare gli interni, ma non ci sono fondi disponibili nemmeno per mantenere accese luci e riscaldamento», ha detto Kramar.

Kramar ha sottolineato che il bilancio approvato dell’Ufficio del Parlamento è di 24 milioni per il 2012, ma l’ufficio ha bisogno di almeno un terzo di risorse in più per funzionare correttamente.

Il Governo di Robert Fico (Smer-SD) nel dicembre 2008 approvò quasi 126 milioni di euro per la ricostruzione complessiva del castello, una metà dei quali è già utilizzata. Una volta completato il restauro, il Castello sarà utilizzato dallo Stato per scopi di rappresentanza, ma anche per utilizzi culturali e sociali. L’esposizione del Museo Nazionale Slovacco continuerà a far parte del Castello. Nei piani, circa l’80% dei locali del complesso saranno aperti al pubblico, mentre il 20% sarà utilizzato dall’Ufficio del Parlamento. Il pubblico potrà vedere la sede di rappresentanza al primo piano durante la Giornata di Porte Aperte il 17 novembre.

(La Redazione)

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

dicembre: 2017
L M M G V S D
« Nov    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

ARCHIVIO

Dal diario di una piccola comunista

pubblicità google