Il Presidente firma la cancellazione del canone di licenza radiotelevisiva in Slovacchia

Il Presidente Ivan Gasparovic ha dato il via libera ieri alla cancellazione del canone di concessione per il servizio radiotelevisivo pubblico. Dal 2013 i cittadini non pagheranno più la tassa alla Radio e Televisione della Slovacchia (RTVS), che sarà invece finanziata da risorse dello Stato. L’emendamento, presentato dal Ministero della Cultura guidato da Daniel Krajcer (SaS) ha stabilito in una somma pari allo 0,142% del PIL dell’anno precedente la dotazione per la gestione dei servizi radiotelevisivi pubblici, con un minimo di 90 milioni di euro all’anno. In base al calcolo, RTVS riceverà nel 2012 l’importo di 93,8 milioni di euro.

Il Governo ha deciso di versare all’emittente pubblica oltre 24 milioni di euro perché riduca i suoi debiti e non collassi. Il Ministro della Cultura Daniel Krajcer (Libertà e Solidarietà / SaS) ha dichiarato però che RTVS non riceverà altro denaro e che dovrà pagare da sola il resto dei suoi debiti, circa 19 milioni su un totale passivo di 43 milioni di euro. Il sussidio, deciso come speciale, sarò pagato a rate. «Quando tutto sarà stato pagato, l’emittente dovrà pareggiare il bilancio. Quest’intervento è l’ultimo da parte del Ministero della Cultura e del Governo. Il resto dipende dalla gestione [di RTVS]», ha detto Krajcer.

(La Redazione)

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.