La Polizia slovacca ferma traffico internazionale di esseri umani e documenti falsi

La Polizia slovacca, cooperando con i colleghi cechi, ha informato di aver fermato un gruppo organizzato internazionale che forniva documenti falsi per immigrati clandestini. Il portavoce della Polizia slovacca Denisa Baloghova ha detto che nove sospetti di età compresa tra 35 e 42 anni sono stati accusati del reato di tratta di esseri umani. La Polizia afferma che il gruppo aveva incassato più di 180.000 euro dalle attività illegali dall’inizio di quest’anno.

I sospettati – quattro cittadini slovacchi, quattro cechi e un austriaco – rischiano condanne tra i 12 e i 20 anni di carcere. La Polizia informa che c’è la probabilità che altre persone vengano accusate come membri del gruppo criminale. Nel frattempo, sono stati presi in custodia cautelare uno slovacco in Slovacchia e due cechi nella Repubblica Ceca. I membri del gruppo sono stati arrestati in un raid internazionale, coinvolgendo funzionari dell’Unità nazionale slovacca per la lotta all’immigrazione clandestina e una squadra della Polizia ceca, che aveva lo scopo di scoprire gli immigrati illegali di contrabbando provenienti da Serbia, Montenegro e Vietnam. La banda avrebbe ottenuto illegalmente documenti da cittadini slovacchi e cechi, falsandoli e vendendoli ai migranti. Sarebbero stati smerciati oltre 100 documenti personali.

(Fonte Sita)

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.