L’architettura visionaria e futuribile di Jan Kaplicky in mostra a Bratislava

Jan Kaplicky, praghese, ma residente a Londra negli ultimi quarant’anni della sua vita, era un architetto/artista visionario, catapultato nella nostra era da una non ben precisata età del futuro. O semplicemente da un altro pianeta. Morto settantunenne nel gennaio 2009, ha lasciato alcuni degli edifici della Gran Bretagna più moderni e ispiranti per le nuove generazioni di architetti, con una inconfondibile impronta „organica”.

Figlio di un illustratore botanico e scultore, fuggì dalla Cecoslovacchia invasa dai carri armati sovietici nel 1968, e arrivò a Londra dove ebbe l’occasione di lavorare in momenti diversi con Richard Rogers, che lo ha definito «uno dei pochi architetti brillanti, e un vero innovatore», Renzo Piano e Norman Foster. Dieci anni dopo fondò con David Nixon la Future Systems, studio di architettura innovativo conosciuto in tutto il mondo per lo stile futuristico dei suoi progetti.

Jan Kaplicky, il Media Center di Londra

Per filosofia e natura, Jan Kaplicky era principalmente un architetto, ma il suo tocco creativo può essere visto in molte altre discipline artistiche. È stato spesso ispirato a forme naturali – ragnatele, ali di farfalla, o scaglie di pesce. Kaplicky ha ricevuto molti premi, il più prestigioso dei quali è stato il premio britannico per l’architettura, il Premio Stirling, ottenuto per il Media Centre di Lords Cricket Ground a Londra. I progetti più recenti di Kaplicky includono il Centro Congressi con sala concerti di České Budějovice e la Biblioteca Nazionale di Praga, entrambi in Repubblica Ceca. Purtroppo, quest’ultima sembra troppo moderna per essere portata a termine: lo stesso Presidente della Repubblica Vaclav Klaus ne ha fermato la realizzazione nonostante il progetto di Future Systems avesse vinto il concorso nel 2006. È però in corso di realizzazione una sua opera in Italia: il Museo Casa Natale Enzo Ferrari, un enorme cofano d’auto che aprirà a Modena la prossima primavera.

Quando Kaplicky tenne una conferenza a Praga parecchi anni fa, enumerò dieci aspetti principali del suo lavoro, tra i quali la libertà, la creatività, l’eleganza, la sensualità, il colore, l’innovazione e l’ispirazione. Ha raggiunto la fama con due edifici simbolo, il Media Centre a Lords Cricket Ground a Londra e il grande magazzino Selfridges a Birmingham.

Il nuovo Museo Casa Enzo Ferrari a Modena

Jan Kaplicky, il nuovo Museo Casa Natale Enzo Ferrari a Modena

Di Kaplicky è stata aperta il mese scorso una rassegna antologica al Museo Danubiana di Bratislava: „Jan Kaplicky: his own way”, che ha lo scopo di presentare la personalità e l’opera dell’artista in un ampio contesto, dai modelli architettonici alla gioielleria e alla moda. «Jan Kaplicky è giustamente considerato uno dei visionari più influenti dell’architettura moderna», ha scritto Eva Jiricna, curatore della mostra e sua collaboratrice per un lungo periodo. In mostra modelli tridimensionali di progetti – realizzati e non – disegni tecnici e rendering di molte delle sue opere su cartelloni di grandi dimensioni appesi alle pareti del museo, insieme a posate, stoviglie, oggetti di design e gioielli. Kaplicky scrisse in uno dei suoi libri: «in passato hanno riso dei miei progetti, ora li stanno copiando».

Cosa: Jan Kaplicky, his own way
Quando: fino al 4/12/2011, da martedì a domenica dalle 10 alle 18
Dove: Danubiana Meulensteen Art Museum, Čunovo – Vodné dielo (a 10 km da Bratislava)
Ingresso: 4 euro (ridotto 2 euro)
Info: http://danubiana.eu

(Fonte Turismo Slovacchia)

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

dicembre: 2017
L M M G V S D
« Nov    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

ARCHIVIO

Dal diario di una piccola comunista

pubblicità google