Corte Costituzionale: l’ergastolo per i recidivi non è incostituzionale

La Corte Costituzionale ha stabilità mercoledì che il principio introdotto nel Codice Penale in Slovacchia del “tre volte e poi più” non viola la Costituzione. Nel 2008, la Corte distrettuale di Pezinok fece appello alla Corte Costituzionale ritenendo il principio, introdotto da un emendamento al codice penale, incostituzionale. La Corte distrettuale stava trattando il caso di un uomo, identificato solo come Karol M., che era recidivo nel reato di ricatto. In base al principio, l’uomo doveva essere condannato a vita, dato che era stato condannato per lo stesso reato già in precedenza, anche se i precedenti verdetti erano stati emessi quando era molto giovane. La Corte distrettuale sosteneva il rispetto della dignità umana, notando che la Costituzione proibisce punizioni inumane, crudeli e umilianti. «L’ergastolo significa nessuna speranza di liberazione … e la morte è l’unica via d’uscita per un prigioniero», scriveva la Corte di Pezinok.

Nella sua sentenza, la Corte Costituzionale ha affermato che il principio non viola il diritto fondamentale a non essere torturato e umiliato. Inoltre, la denuncia originale non è più giustificata, in quanto la modifica del Codice Penale non prevede soltanto l’ergastolo, ma permette anche l’eccezione di condanne a 20 e 25 anni di prigione.

Soddisfatto il Ministro degli Interni Daniel Lipsic (Cristiano-democratici / KDH), che ritiene la decisione della Corte Costituzionale una buona notizia per tutte le persone oneste e in particolare le vittime di crimini violenti. Lipsic, che si aspettava questo epilogo, pensa che il principio è giusto e anche legalmente indiscutibile dopo la sentenza di mercoledì per isolare i recidivi pericolosi. Anche la Corte europea dei diritti dell’uomo, dice il Ministro, ha dichiarato tale misura costituzionale. Il principio, secondo Lipsic, ha significativamente ridotto il numero di crimini violenti dalla metà dal 2003 (quando lo presentò lui stesso come Ministro della Giustizia). «Ci sono stati 15.020 crimini violenti nel 2002, mentre solo 7.532 nel 2010, la cifra più bassa negli ultimi decenni. È anche grazie a questa norma che le nostre strade sono più sicure», ha detto Lipsic.

(La Redazione)

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

dicembre: 2017
L M M G V S D
« Nov    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

ARCHIVIO

Dal diario di una piccola comunista

pubblicità google