È un Brunello del ’64 il vino simbolo dell’identità nazionale italiana

Il vino simbolo dell’identità nazionale? È il Brunello di Montalcino Riserva 1964 della storica Tenuta Greppo di Montalcino della famiglia Biondi Santi, dove il Brunello è nato e si custodisce la tradizione di uno dei vini più importanti al mondo. Ad eleggerlo i Sommelier d’Italia, come «riconoscimento di qualità alla longevità di un grande vino da 100/100, che lo colloca di diritto come il vino migliore dei 150 anni dell’Italia Unita».

Il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano ha inviato una medaglia di rappresentanza al Premio, congratulandosi con il produttore e rivolgendo «gli auguri di un grande lavoro a tutte le aziende di vino di qualità, vanto e onore del nostro Paese». A ricevere l’importante e prestigioso riconoscimento si è presentato Jacopo Biondi Santi, il cui antenato garibaldino Ferruccio ha inventato nell’Ottocento il Brunello, dopo aver selezionato un particolare Sangiovese e averlo vinificato in purezza.

È nella Tenuta Greppo di famiglia a Montalcino che Ferruccio inventò il Brunello intorno al 1870, e dove il figlio Tancredi portò a sistema il protocollo di produzione, tanto che fu uno degli ispiratori e promotori del disciplinare. Tancredi impresse nuovo slancio alla produzione del Brunello, diventando di fatto l’ambasciatore di Montalcino e dei suoi vini. Introdusse la pratica della “ricolmatura” delle vecchie Riserve (storica quella realizzata con lo scrittore Mario Soldati e il maestro della critica enogastronomica italiana Luigi Veronelli), con vino della stessa annata (la prima volta nel 1927 per le Riserve 1888 e 1891) e fu l’artefice del Brunello di Montalcino Riserva 1955, l’unico italiano inserito dalla rivista Usa “Wine Spectator” tra i 12 migliori vini del Novecento.

Oggi Franco Biondi Santi, figlio di Tancredi, è investito del prezioso ruolo di guardiano intransigente della tradizione. Il suo stile di vinificazione è unico e lo stesso da decenni. Tutti i vini del Greppo provengono da uve coltivate nei 20 ettari di vigneto di proprietà e il Brunello Riserva esclusivamente da vigneti di oltre 25 anni di età. Per preservare le caratteristiche del clone di Sangiovese grosso selezionato da Ferruccio Biondi Santi nel 1870, i nuovi vigneti vengono da sempre innestati con gemme prese dalle vecchie piante.

Nella Tenuta Greppo, Franco Biondi Santi custodisce, con grande cura, bottiglie storiche dal valore inestimabile di Brunello di Montalcino Riserva delle annate 1888, 1891, 1925, 1945. Ed ancora le “mitiche” Riserva 1955, 1964, 1970, 1975 e 1983.

(Fonte Aise)

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

dicembre: 2017
L M M G V S D
« Nov    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

ARCHIVIO

Dal diario di una piccola comunista

pubblicità google