Domani al cimitero di Samorin commemorazione per i soldati italiani sepolti in Slovacchia

Domani 1° novembre si terrà la consueta commemorazione per i 1992 caduti italiani tumulati a Samorin, nel quadrante italiano del cimitero cittadino. Come ci dice Roberto Rizzo, primo segretario dell’Ambasciata d’Italia in Slovacchia che domani sarà sul posto accompagnato dagli addetti militari gen. Azzolin e col. Stendardo di stanza a Vienna, «gli italiani qui sepolti erano per lo più prigionieri di guerra [la prima guerra mondiale – ndr] internati nella regione e presso l’ospedale militare di Samorin, deceduti soprattutto a causa di malattie ed epidemie prima del rientro in patria».

Per chi volesse prendervi parte, la cerimonia, con deposizione di corone, prende avvio alle ore 16 presso il Monumento di San Floriano, il patrono dei Vigili del Fuoco. Con il Sindaco di Samorin ci si recherà poi nel quadrante italiano dove è un memoriale che recita „L’Italia ai suoi caduti in Slovacchia“ – che fu visitato nel 2002 dal Presidente Ciampi nel corso della sua visita ufficiale – per concludersi davanti al monumento ai caduti russi.

Nel primo pomeriggio, invece, si terrà un’altra commemorazione presso il cimitero di guerra di Petrzalka (Kopcianska) organizzata dall’Associazione “Petržalský okrášlovací spolok”. Qui verranno ricordati dalle 14 tutti i soldati deceduti delle guerre mondiali, tra i quali gli 11 soldati di origini italiane, del Regio Esercito Italiano e dell’Esercito Imperiale Austrio-ungarico morti in ospedali militari della zona. Alla cerimonia anche rappresentanti delle Ambasciate ceca, russa, austriaca e del Ministero Affari Esteri slovacco.

(La Redazione)

Articoli più letti

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.