Sulik: il vertice UE ci ha dato ragione, avevamo già detto che il bail-out era l’unica soluzione per la Grecia

Il vertice di questa settimana a Bruxelles ha confermato quello che il nostro partito va dicendo da mesi, cioè che il fallimento controllato è per la Grecia l’unica via d’uscita dai suoi mali, ha affermato venerdì il presidente di Libertà e Solidarietà (SaS) Richard Sulik in una conferenza stampa. Sulik e il suo partito non hanno voluto appoggiare il coinvolgimento della Slovacchia nell’aumento delle garanzie del Meccanismo europeo di stabilità finanziaria (EFSF) deciso dai leader europei in luglio, e con il suo voto contrario ha portato l’11 ottobre alla sfiducia del Governo del quale faceva parte. L’EFSF è poi stato ratificato dalla Slovacchia appena due giorni dopo nella ripetizione della votazione che ha visto i tre partiti rimanenti della Coalizione di centro-destra affiancati dal partito di opposizione Smer-SD.

Sulik ha protestato per la decisione di aumentare la leva finanziaria dell’EFSF decisa la scorsa settimana per dare maggior potenza all’azione di salvataggio dei paesi in difficoltà. «La capacità complessiva dell‘EFSF sarà gonfiata di forse quattro volte rispetto a quanto previsto in origine, il che significa anche quattro volte il rischio dei contribuenti europei di perdere i loro soldi nell‘EFSF. Per dirla semplicemente, è un ennesimo esercizio di gonfiare la bolla e continuare un gioco d‘azzardo etico», ha detto Sulik.

I leader dell’Eurozona hanno concordato al vertice del 26 ottobre di aumentare la possibilità di utilizzo del fondo EFSF fino a 1 trilione di euro, e di cancellare allo stesso tempo il 50% del debito della Grecia verso il settore privato.

(Fonte Tasr)

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.