I contratti per gli appalti di Stato saranno riuniti sotto un nuovo sito web gestito dalle ONG

I contratti stipulati dall’amministrazione statale potranno essere consultati da chiunque grazie ad un nuovo sito web chiamato otvorenezmluvy.sk (“contratti aperti”) attivo dall’inizio di questa settimana. Il progetto, portato avanti dalle ONG slovacche Aliancia Fair-play (AFP) e Transparency International Slovensko (TIS) è stata presentata in una conferenza stampa congiunta delle due organizzazioni, con la presenza anche dei rappresentanti dell’Ambasciata britannica.

Da gennaio 2011, le autorità statali sono obbligate a pubblicare i loro contratti di appalto su internet. È stato lanciato a questo scopo il sito web “Registro Centrale dei Contratti” (Centralny Register Zmluv), con circa 80.000 contratti disponibili alla consultazione. Secondo Eva Vozarova di Fair-Play, la pubblicazione dei contratti è una delle migliori decisioni che il Governo uscente ha preso, ma non è stata senza errori, ha detto. «Non c’è un sistema standard su chi, dove, cosa e come pubblicare. Addirittura, ci sono un certo numero di imprese di Stato che sono convinte che l’obbligo non riguardi la loro attività», ha detto Matthew Kurian di Transparency International.

Così, non di rado i contratti sono spesso sparsi dappertutto su Internet, con molte delle 9.000 organizzazioni sottoposte all’obbligo che finiscono per pubblicare i loro contratti pubblici sul proprio sito web. È in questo vulnus che entra in gioco il nuovo sito, con l’ambizione di riportare tutti i documenti sotto un unico tetto, consentendo in tal modo di migliorarne notevolmente il monitoraggio, hanno spiegato i suoi creatori.

(La Redazione)

Articoli più letti

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.