Privatizzationi delle aziende statali slovacche ferme in via definitiva: mancati introiti per 2 miliardi

La compagnia ferroviaria di trasporto merci Cargo, l’operatore di telecomunicazioni Slovak Telekom, le aziende di riscaldamento comunali e un certo numero di altre società non saranno privatizzato, conferma il giornale Hospodarske Noviny dopo che anche l’agenzia di privatizzazione nazionale, il Fondo di Proprietà Nazionale (FNM) aveva annunciato la sua impossibilità a portare a termine le vendite in una situazione di crisi di Governo già una settimana prima.

Il Primo Ministro Iveta Radicova (SDKU-DS) ha fermato le gare per la selezione di consulenti, che avrebbero dovuto assistere lo Stato nei processi di privatizzazione. La causa, ha spiegato il capo del Fondo Milan Homola, è la decisione del Parlamento di abbreviare i termini del corrente mandato di Governo, presa lo scorso venerdì. Per avere un chiarimento sui prossimi passi da fare dovremo attendere l’insediamento dei nuovi organi esecutivo e legislativo che usciranno dalle elezioni anticipate, ha detto Homola.

L’interruzione delle privatizzazioni messe in cantiere dal Governo, e il noleggio a lungo termine dell’aeroporto di Bratislava Milan Rastislav Stefanik si tradurrà, scrive il quotidiano, in una perdita di circa 2 miliardi di euro nel bilancio dello Stato.

(Fonte HN)

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.