Camera di Commercio slovacca: un bilancio provvisorio per il 2012 sarebbe motivo di grande preoccupazione

La possibilità che il Parlamento non arrivi ad approvare il bilancio statale per il prossimo anno, lasciando che il Paese si affidi ad un bilancio provvisorio è una questione che ci vede molto preoccupati, ha detto il presidente della Camera di Commercio e Industria slovacca (SOPK) Peter Mihok. Questo fatto, ha detto ieri Mihok, sarebbe un segnale molto, molto negativo per la nostra economia nazionale e anche verso l’esterno.

Secondo gli ultimi accordi, i partiti della Coalizione uscente dovrebbero approvare due leggi fondamentali entro il termine delle elezioni generali del marzo 2012: il bilancio dello Stato e una legge sulla responsabilità di bilancio che fissi un limite massimo per il debito pubblico.

Mihok dice che il problema è che il Governo ha ritirato la riforma del prelievo fiscale dal Parlamento, provvedimento che era stato conteggiato nel progetto di bilancio. «Un Governo responsabile dovrebbe ritirare la proposta e, per lo meno, ripulirla delle influenze della riforma del prelievo e di altre leggi che non potranno essere approvate in Parlamento», ha detto Mihok.

SOPK è a favore della legge sulla responsabilità di bilancio, un provvedimento bipartisan concordato tra coalizione e opposizione. Ma la Camera pensa che il limite doveva essere fissato al 50%, e non al 60% del PIL inserito nella proposta. «Data l’apertura dell’economia slovacca, con la maggior parte delle importanti decisioni prese all’estero, [il 60%] è abbastanza rischioso», ha detto Mihok, secondo il quale se il bilancio e l’iniziativa sulla responsabilità non venissero approvate il rating sovrano della Slovacchia potrebbe subirne.

(Fonte Tasr)

Articoli più letti

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.