Quanti amici hai su Facebook, tanto grande avrai il cervello

La grandezza di quattro aree del nostro cervello è legata al numero dei contatti su Facebook (…!). Se siano le dimensioni di queste aree a determinare il numero più o meno alto di contatti, o se piuttosto sia la quantità di contatti a determinare una loro minore o maggiore stimolazione non è però ancora chiaro, spiegano i ricercatori inglesi dell’University College of London che hanno condotto lo studio. Che precisano di aver trovato una correlazione tra i due fattori, e non un rapporto causa-effetto. La ricerca, pubblicata su Proceedings of the Royal Society B, ha messo anche in evidenza che tanti più contatti si hanno sul social network, tanto più si hanno buone possibilità di essere circondati da un fitta rete di amici anche nella vita reale.

Geraint Rees e colleghi dell’UCL Institute of Cognitive Neuroscience e del Wellcome Trust Centre for Neuroimaging hanno effettuato le scansioni cerebrali di 165 studenti universitari (tutti utenti attivi di Facebook) e hanno poi esaminato le dimensioni delle loro reti di contatti sul social network, scoprendo che la quantità di materia grigia presente nell’amigdala (la regione associata alla memoria e alle risposte emotive) era maggiore in coloro che avevano una rete molto ampia di amici «virtuali». Studi precedenti avevano già dimostrato la sensibilità dell’amigdala al numero di amici nel mondo reale. La grandezza di altre tre aree cerebrali (il solco temporale superiore destro, il giro temporale mediale sinistro e la corteccia entorinale destra) è, invece, risultata correlata esclusivamente al numero di amici «facebookiani». «I nostri risultati supportano l’idea che la maggior parte degli utenti di Facebook utilizzi il sito per rinforzare relazioni sociali e amicizie già esistenti, piuttosto che per creare reti di contatti completamente nuove», spiega Rees.

(Fonte Asca)

Articoli più letti

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.