Le banche slovacche: aumento dei costi per la clientela con la tassa speciale che mina la stabilità del sistema

L’Associazione Bancaria Slovacca (SBA) ha lamentato ieri in una conferenza stampa che il prelievo speciale nella misura dello 0,4% sulle passività delle banche (in particolare sui depositi aziendali) che è stato proposto dal Ministero delle Finanze metterebbe in pericolo la stabilità del settore bancario e potrebbe aumentare i prezzi di prodotti e servizi. Il presidente dell’associazione, il Ceo di Tatra Banka Igor Vida, ha spiegato che tutti i costi di transazione spostati dallo stato sulle spalle del settore privato andranno in definitiva a riflettersi in un aumento dei prezzi per i clienti degli istituti bancari.

Le banche hanno definito tale atteggiamento una tassazione nascosta dei loro clienti. L’associazione ha suggerito che sia invece la Banca Centrale della Slovacchia a fissare l’ammontare della tassa, previa consultazione con il Ministero delle Finanze, tenendo conto delle prospettive della situazione finanziaria. Il settore bancario ha versato oltre 250 milioni di euro di imposte dirette e indirette lo scorso anno nelle casse dello Stato, dei quali circa 100 milioni in Iva. «I nostri guadagni sono alti, ma abbiamo anche pagare tasse alte», ha detto Vida, aggiungendo che l’Iva è uno strumento molto più equo perché riflette i consumi reali.

Il Governo, secondo Vida, ha intenzione di colpire il suo settore proprio perché ritiene che generi profitti eccessivi. Le banche che sono specializzate solo in servizi corporate avranno anche un impatto maggiore dall’introduzione della tassa. «Se si aumentasse l’Iva, sarebbe sicuramente una soluzione molto più equa», ha osservato. Secondo Vida, il nuovo prelievo potrebbe mettere in pericolo il posto di lavoro per 19.000 dipendenti del settore. E alcune banche potrebbero non essere in grado di generare profitti sufficienti. E il tutto metterebbe a rischio la stabilità del settore, portando le imprese a trasferire i loro depositi in banche di paesi che non c’è una tale tassa.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*