Sulik: SaS non promuoverà un ritorno della Corona slovacca per le prossime elezioni

Richard Sulik, leader del partito ribelle Libertà e Solidarietà (SaS) che ha mandato a casa il Governo del quale faceva parte per la sua diffidenza nei confronti del fondo europeo di stabilità finanziaria (EFSF), ha detto domenica alla trasmissione di Tv Markiza “Na Telo” che non andrà alle elezioni anticipate del 10 marzo promuovendo il ritorno della corona slovacca. Si concentrerà invece, ha detto, sul rispetto degli accordi della Zona Euro escludendo però dal mazzo il futuro Meccanismo europeo di stabilità (ESM), che andrà a sostituire l’EFSF da metà 2013.

Sulik ha ammesso davanti alle telecamere che il suo partito non è riuscito a far passare la depenalizzare della marijuana, uno dei punti più controversi del suo programma elettorale, ma ha sottolineato che la depenalizzazione non causerebbe alcun danno al popolo slovacco. Cosa che invece non è così per l’ESM, per il quale noi dovremo «versare 600 milioni di euro – o ancora di più – in contanti», ha sottolineato.

Sulik ha detto di ritenersi soddisfatto del fatto che il partito ha salvato la faccia e mantenuto la sua posizione. Anche se SaS ha votato per l’EFSF nel novembre 2010, Sulik ha spiegato che il meccanismo avrebbe dovuto essere solo di natura temporanea, con prestiti fatti, a sentir lui, solo a stati in bail-out che avrebbero avuto la capacità di rimborsarli. Ma, ha sottolineato, «tutto d’un tratto» il fondo di salvataggio è divenuto permanente, con soldi che vanno ad una Grecia che non li rimborserà mai e «in più è possibile anche il bail-out delle banche».

Nonostante la sua posizione, e il fatto di aver fatto cadere il Governo, Sulik non vedeva alcun motivo per lasciare la Coalizione, affermando di essere stato costretto ad uscirne.

Nel frattempo, dopo che Sulik è stato sostituito alla presidenza del Parlamento con una mozione votata giovedì, SaS sta chiedendo che venga loro riconosciuta una poltrona da Vicepresidente, cosa che è consuetudine per il terzo maggior partito in Parlamento. Lo ha chiesto il capogruppo del partito Jozef Kollar, reclamando il posto dell’ex Vicepresidente Pavol Hrusovsky (KDH) che ora è stato eletto Presidente. La richiesta, fatta agli ex partner della Coalizione di centro-destra, non ha per il momento ricevuto alcuna risposta ufficiale, anche se Jan Figel ha ammesso che potrebbe essere un’idea se aiutasse il dialogo ed il processo legislativo, in particolare quello in salita per l’approvazione del budget statale del 2012.

(Fonte Tv Markiza, La Redazione)

Articoli più letti

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.