L’Esecutivo della Radicova approva il progetto di bilancio 2012

Nella seduta di ieri pomeriggio, il Consiglio dei Ministri guidato dalla Premier Iveta Radicova, ha approvato il progetto di bilancio della Pubblica amministrazione per 2012-2014. Anche se è stato passato avanti dal Governo, considerando che questo è stato sfiduciato martedì si vedrà come verrà discusso e approvato in Parlamento. Non è escluso che il Paese possa anche dover iniziare l’anno con un bilancio provvisorio. In base alla legge, il bilancio preventivo dello Stato va portato in Parlamento entro il 15 ottobre, ma se l’assemblea non dovesse riuscire ad approvarlo, il bilancio di quest’anno sarà prorogato per i mesi necessari ad arrivare all’approvazione di un bilancio definitivo.

I diversi partner della Coalizione si erano accordati la scorsa settimana sulle priorità di diversi Ministeri che chiedevano più fondi. Questi dovevano essere assicurati da una tassa speciale sulle banche (più alta di quella pensata in origine), da imposte maggiori sui salari nelle aziende statali e da entrate supplementari derivanti dalla vendita delle quote di emissione. Il progetto di legge di bilancio approvato prevede un deficit pari a 3,321 miliardi per l‘anno prossimo, con ricavi per 15,36 miliardi e spese per 18,681 miliardi. Per confronto, i ricavi del bilancio statale per il 2010 sono previsti arrivare a 13,148 miliardi e le spese a 16,958 miliardi, mentre il disavanzo di bilancio di quest’anno è previsto al 4,9% del PIL.

Il Governo ha dato il via anche al disegno di legge sul prelievo speciale per le banche, da approvarsi con procedura accelerata, che dovrebbe entrare in vigore all’inizio del 2012. La proposta prevede un prelievo dello 0,2 di selezionate passività – i depositi aziendali – ma il Ministro delle Finanze Ivan Miklos ha già annunciato che l’imposta sarà più alta, tra lo 0,2 e lo 0,4 per cento.

(Fonte Webnoviny)

Articoli più letti

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.