Marcia sindacale a Bratislava il 12 ottobre contro «la castrazione del sistema sociale»

I sindacati slovacchi si stanno preparando a una protesta che si realizzerà nelle strade di Bratislava mercoledì 12 ottobre. La Confederazione dei Sindacati (KOZ) sta organizzando la marcia per sottolineare che le leggi e le riforme adottate da questo Governo non contribuiscono a migliorare la qualità della vita delle persone. Alla conferenza stampa tenutasi venerdì, il leader di KOZ, Miroslav Gazdik, ha detto che un esempio di tale legislazione è il nuovo Codice del Lavoro introdotto da settembre, le modifiche in preparazione alla legge sulla sicurezza sul lavoro e di tutela della salute sul luogo di lavoro, e in particolare la riforma delle imposte e tasse sui salari.

Secondo Gazdik, i sindacati devono dire un «forte no alla castrazione del sistema sociale attuata da Richard Sulik» [attraverso il suo Ministro al Lavoro Jozef Mihal], e anche «no al salario super-lordo e no al bonus contributivo». Per quanto riguarda il Governo, ha detto che è un «arrogante, antisociale rullo compressore» che liquida ogni sicurezza sociale e compromette il tenore di vita dei cittadini slovacchi.

La marcia, che terminerà davanti al Parlamento, intende fare un appello ai parlamentari perché non approvino il progetto di modifica alla legge sul reddito da lavoro dipendente, in base al quale verrà adottata la riforma delle imposte e tasse sui salari dal gennaio prossimo. «Sarebbe l’ultimo chiodo nella bara della sicurezza sociale e degli standard di vita», dice Gazdik. La sua vice, Daniela Zuffova, ha aggiunto che faranno una sosta davanti al palazzo presidenziale per chiedere a Gasparovic di non firmare il disegno di legge se venisse approvato dall’Assemblea. La Zuffova, comunque, ha ricordato la grande delusione dei sindacati quando il Presidente ha firmato in legge il Codice del Lavoro modificato.

(Fonte Webnoviny)

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*