EFSF: SaS alla fine dice sì ai fondi di salvataggio. Scoperta l’offerta della Radicova per lo scambio

Il quotidiano Hospodarske Noviny è riuscito a scoprire il contenuto segreto della soluzione di compromesso proposta dal Primo Ministro Iveta Radicova  al Presidente del SaS Richard Sulik. Secondo l’offerta, la Slovacchia avrebbe dovuto approvare una dichiarazione parlamentare che avrebbe dato al Paese il diritto di decidere su ogni singolo prestito fatto ai paesi indebitati della Zona Euro indipendentemente dalle decisioni prese dagli altri membri. Il Presidente dell‘EuroGruppo, Jean-Caude Juncker, ha comunque risposto con un chiaro “no” a qualunque concessione fatta alla Slovacchia sotto questo aspetto. Inoltre, il compromesso è stato rifiutato da SaS, che lo ha ritenuto poco soddisfacente.

La Premier Radicova, ha commentato ieri l’analista politico Michal Horsky a seguito delle ultime vicende, ha fatto solo vuote promesse nell’incontro con il Cancelliere tedesco Angela Merkel, e le ha accennato che avrebbe potuto raggiungere un compromesso sui fondi di salvataggio europei. Era chiaro sin dalla visita in Slovacchia del Presidente tedesco Christian Wulff, avvenuta la scorsa settimana, che non vi era alcun margine per ulteriori dispense per i singoli paesi per quanto riguarda i loro impegni nei confronti dell’EFSF, ha detto Horsky. Allo stesso modo, le dichiarazioni di Richard Sulik, che si è detto d’accordo a scendere a un compromesso, sono chiaramente ridicole e indegne di una poltrona parlamentare, ha sottolineato Horsky.

Intanto, mentre ci si avvicina inesorabilmente al voto parlamentare sull’EFSF (l’11 ottobre), che prometteva di spaccare la maggioranza, a una sessione della Commissione parlamentare per gli Affari europei ieri il capogruppo SaS Jozef Kollar ha detto che SaS sosterrà in Parlamento la legge sulle Garanzie specifiche dello Stato, aprendo di fatto la strada all‘EFSF. Kollar ha spiegato che SaS darà l’ok al fondo di salvataggio, mentre le decisioni individuali atte a fornire assistenza finanziaria ai paesi in difficoltà verranno effettuate singolarmente con nuove votazioni, attraverso un‘apposita commissione composta dai rappresentanti di tutti e sei i partiti parlamentari, che avranno diritto di veto.

Il rappresentante della Slovacchia per l‘EFSF, Martin Bruncko, sarà quindi obbligato a votare in linea con la decisione della commissione. Se Bruncko votasse contro uno specifico prestito, la Slovacchia non lo fornirà, ha detto Kollar.

Furioso il leader del partito di opposizione Smer-SD, Robert Fico, che ha accusato SaS di aver tirato fuori dal cilindro una delle più grandi truffe mai fatte agli elettori quando ha confermato che voterà per le modifiche al fondo di salvataggio. «Era solo una questione di tempo prima che il SaS trovasse una scusa per arrivare a votare sì per l’EFSF», ha detto Fico.

Questo il commento del presidente dell’altro partito di opposizione SNS, Jan Slota: «Inizialmente, rifiutavano il fondo di salvataggio per poter vedere le loro facce in tv ogni sera come eroi della Nazione. Ora che l’acqua bolle in pentola, cioè che il voto parlamentare si è avvicinato, SaS ha dovuto vuotare il sacco dicendo che non hanno mai voluto votare contro l‘EFSF ma inequivocabilmente volevano dare il proprio voto a favore», ha detto Slota.

Il deputato indipendente e capo del partito Gente Comune, Igor Matovic, accoglie con favore l’accordo di compromesso di SaS al fondo di salvataggio. «Fin dall’inizio abbiamo detto che la soluzione migliore era di non bloccare l’Europa e di curare gli interessi della Slovacchia. Ciò è in linea con la nostra opinione, quindi sono piuttosto contento, e vedremo cosa succederà», ha detto Matovic.

Nel frattempo, dopo il voto a favore dei Paesi Bassi avvenuto ieri, rimangono fuori solo Malta e Slovacchia tra i paesi Euro che non hanno ancora ratificato le modifiche alle garanzie del fondo di salvataggio decise dai leader lo scorso luglio. E le pressioni dall’Europa e non solo, si faranno ancora più forti fino a quando non si terrà, martedì, la seduta decisiva in Parlamento.

(Fonte Webnoviny)

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*