RUZ: le proteste dei sindacati danneggiano l’economia slovacca

Nell‘organizzazione delle proteste, i funzionari sindacali ledono gli interessi economici della Slovacchia e dei suoi cittadini, si legge in una dichiarazione scritta pubblicata ieri dall’Unione repubblicana dei datori di lavoro (RUZ). Le manifestazioni organizzate dai sindacati sono contro le riforme che sono state progettate per diminuire la disoccupazione e avviare la crescita dei salari, si legge nella dichiarazione. «Di chi sono in realtà gli interessi che rappresentano i sindacati – dei dipendenti o dello Smer-SD?» si chiede il vice-presidente di RUZ, Jozef Spirko, nella dichiarazione. Egli ha aggiunto che la Confederazione delle Associazioni dei sindacati (KOZ) ha firmato un accordo di cooperazione con il partito d’opposizione Smer-SD, il che rende le loro azioni a sfondo politico, piuttosto che di tutela dei diritti dei lavoratori.

RUZ ritiene che il precedente rapporto con i sindacati sia da biasimare visto l’attuale stato delle finanze pubbliche. L’economia globale è sull’orlo di una nuova crisi che può influenzare la maggior parte del mondo, compresa la Slovacchia. «Bisogna, dunque, che la Slovacchia adotti le necessarie riforme per aumentare la competitività del nostro Paese, lo rendano più attraente per gli investitori stranieri e contribuiscano a creare nuovi posti di lavoro», sostengono i datori di lavoro. Inoltre, il Governo deve attuare una serie di misure per stabilizzare le finanze pubbliche e, successivamente, garantire il consolidamento graduale del deficit.

(Fonte Webnoviny)

Articoli più letti

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.