Sei aziende straniere stanno discutendo la loro espansione in Slovacchia

Secondo un articolo di Hospodarske Noviny, ci sono sei nuovi investitori che stanno aprendo in Slovacchia e nei prossimi mesi potrebbero offrire lavoro fino a circa 2.000 slovacchi nell’industria pesante, automotive e produzione di componenti elettronici. Il quotidiano ha appreso da una fonte bene informata che con la maggior parte delle aziende interessate si sta discutendo ormai solo dei dettagli. Alcuni degli investitori saranno del tutto nuovi nel Paese, mentre altri hanno in programma una espansione del proprio business. Tra queste ultime aziende ci sarebbero il produttore di pneumatici Continental Matador Puchov (nell’omonima città non lontano da Trencin) e il produttore tedesco di macchinari Muhlbauer Technologies a Nitra, i cui investimenti dovrebbero essere i maggiori tra i sei in lista, ognuno dei quali è previsto che potrebbe dare lavoro ad almeno 300 persone.

Oltre ai due noti, gli altri investimenti dovrebbero posizionarsi tra Kosice e Namestovo, e ancora non si conoscono né gli importi in ballo, né le richieste delle società al Ministero dell’Economia per incentivi agli investimenti, la cui legge ha subito un ridimensionamento poche settimane fa.

L’Euro è dato, nell’analisti dell’analista economico Boris Fojtik di Tatra Banka, ancora tra i benefici importanti, oltre alla possibilità per le aziende straniere di trovare qui manodopera a relativamente basso costo e una favorevole posizione geografica. Anche la stabilità del contesto macroeconomico fa la sua parte, ha detto Fojtik.

L’Agenzia per gli investimenti e il commercio estero SARIO, che su questo tema collabora con il Ministero dell’Economia, ha anche informato che un altro investitore, la società Dometic Slovakia che è già stabilito nella città di Filakovo nella Slovacchia meridionale, dove il tasso di disoccupazione raggiunge il 23%, ha deciso di estendere la sua produzione creando qualcosa come 450-500 nuovi posti di lavoro, oltre ai 200 dipendenti già in forze dal 1995. La Dometic, di origini svedesi, produce accessori per yacht e caravan.

C’è sempre in ballo l’importante investimento, annunciato dallo stesso giornale HN a inizio agosto, del gruppo acciaifero tedesco Thyssen Krupp, che fonti anonime del Ministero dell’Economia dicevano avrebbe potuto creare nuova occupazione per almeno 1.200 persone nello stesso parco industriale di Presov dove si è da poco installata l’americana Honeywell. Anche se pare che i polacchi stiano battagliando per portare la Krupp da loro, il giornale sembra positivo sul fatto che, alla fine, la Krupp verrà in Slovacchia.

(La Redazione, Fonte HN)

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.