L’IHP accusato di malinteso dal MinFin sulle spese del personale nei ministeri

Sulla base degli accertamenti effettuati dall’organizzazione non governativa Istituto di Politica Economica (IHP), non si è verificata alcuna riduzione di massa nel personale dei ministeri nel 2010 e nel 2011. I dati IHP mostrano che il numero dei dipendenti pubblici che lavorano nei ministeri è anzi aumentato di 153 unità nel 2010, rispetto all’anno prima. Per di più, la quota è stata più elevata di addirittura 1.300 dipendenti nel 2011. Le scoperte dell’HIP sono in netto contrasto con le affermazioni del Ministero delle Finanze, il quale confuta i dati forniti dall’Istituto accusandolo di un malinteso.

«Quelli che sostengono che il numero del personale nella Pubblica amministrazione non è calato, o non hanno avuto il tempo di esaminare il bilancio o stanno mentendo», ha detto il Segretario di Stato del Ministero delle Finanze, Vladimir Tvaroska. Il Ministero dice anche che bisognerebbe dare una maggiore attenzione al volume dei finanziamenti destinati alla retribuzione del personale del Ministero. Secondo i suoi dati, gli insegnanti sono l’unico gruppo ad aver visto aumentare i loro stipendi per il 2012.

Nel frattempo, IHP e Ministero concordano che c’è ancora margine di manovra per amministrare lo Stato in modo più economico. «Il nocciolo del problema sta nel fatto che la Pubblica amministrazione sta ancora lavorando in condizioni socialiste. Nessuna modifica è stata finora compiuta per consentire la centralizzazione di alcune operazioni», ha detto il capo di IHP Frantisek Palko, che è stato Sottosegretario alle Finanze nel Governo precedente.

(Fonte Hospodarske Noviny)

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

febbraio: 2018
L M M G V S D
« Gen    
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728  

ARCHIVIO

Dal diario di una piccola comunista

pubblicità google