Ospedali: oltre 2.400 gli avvisi di licenziamento dei medici in protesta. Penta è interessata a comprare

L’ultima cifra, aggionata a ieri, indica che 2.411 medici di 34 ospedali in tutta la Slovacchia hanno presentato le dimissioni, ha informato il capo del Sindacato dei Medici (LOZ) Marian Kollar. «Questa cifra rappresenta il 50% del numero totale dei medici ospedalieri, e in alcuni settori si arriva persino al 75%», ha dichiarato Kollar. Pare che a Bratislava soltanto ci siano stati più di 600 dottori a voler firmare il modulo, ovvero circa la metà del numero totale dei medici ospedalieri della città. Kollar ha detto ai giornalisti che i medici hanno espresso il loro malcontento per la situazione nel settore della salute inviando le dimissioni da tutte le cliniche universitarie e anche da diverse strutture sanitarie più piccole, comprese quelle operanti come società per azioni. Il LOZ presenterà le dimissioni che sta raccogliendo dai medici ai datori di lavoro in massa entro la fine di settembre. Kollar ha riferito che se i sindacati non riusciranno a raggiungere un accordo con il Ministero della Salute il settore sanitario in Slovacchia potrebbe crollare dopo il 1° dicembre, quando scadrà il periodo di preavviso.

E mentre gli ospedali sono in fermento, la sanità deve allo stesso tempo fronteggiare i conti che non tornano e ricorrere, a quanto pare, alla privatizzazione. L’iniziativa di trasformare gli ospedali che cadono sotto il Ministero della Salute in società per azioni è finalizzata a realizzare il loro recupero, migliorare la trasparenza e introdurre un regime in cui il travaso di debito possa essere arrestato, ha detto il Ministro della Salute Ivan Uhliarik due giorni fa. All’inizio della giornata, il Governo ha adottato degli articoli campione utili per la conversione degli ospedali in s.p.a. In linea con il provvedimento, gli ospedali dovrebbero comunque rimanere al 100% proprietà dello Stato.

Il gruppo finanziario Penta, che è stato coinvolto nel business dell‘assistenza sanitaria in Slovacchia durante il mandato dell’ex Ministro della Salute Rudolf Zajac (2002-2006), ha promesso di voler investire di nuovo in quest’area. Il gruppo ha in programma di acquistare gli ospedali regionali della Slovacchia entro alcuni mesi. «Siamo interessati ad acquistare gli ospedali, siamo tenendo dei colloqui con tutti e quattro i paesi del Visegrad (Repubblica Ceca, Slovacchia, Polonia e Ungheria)», ha detto Jaroslav Hascak, uno dei proprietari di Penta, tra i maggiori gruppi finanziari e di investimento del Paese.

(Katia Montresor)

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

novembre: 2017
L M M G V S D
« Ott    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930  

ARCHIVIO

Dal diario di una piccola comunista

pubblicità google