Rom: il Sindaco di Lunik IX alla Radicova: «Dateci denaro e sostegno, Kosice da sola non ce la fa più»

I problemi del famigerato quartiere di Kosice Lunik IX si stanno diffondendo a macchia d’olio e, un problema circoscritto geograficamente sta pian piano iniziando a diventare un caso sociale e a riguardare l’intera Nazione, ha riferito ieri il Comune di Kosice. Il Sindaco della città Richard Rasi (anche deputato di Smer-SD) ha chiesto come conseguenza una sovvenzione al Primo Ministro Iveta Radicova allo scopo di finanziare l’amministrazione locale per la risoluzione di tale problema.

Secondo la portavoce del Municipio, Martina Viktorinova, la richiesta alla Premier è stata inviata in forma scritta da Rasi e dal Sindaco del municipio Lunik IX, Dionyz Slepcik, il 27 luglio scorso. Egli ha dichiarato che i problemi di Lunik IX si sono moltiplicati e hanno oggi dimensioni tali che il bilancio dell’amministrazione locale non è più in grado di affrontare da sola, aggiungendo che in queste aree è la legge a prevedere l’intervento statale.

La Viktorinova ha aggiunto che il bilancio della città non è in grado di sopportare i costi necessari per tenere in piedi la città e Lunix IX in condizioni adeguate. La lettera inviata alla Radicova contiene una spiegazione esaustiva del problema e una richiesta di sovvenzione per la somma di 200.000 euro. Lei ha aggiunto che la richiesta è stata respinta dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri, e ciò ha spinto Rasi ad inviare una seconda missiva il 2 di agosto. Rasi sta sollecitando gli aiuti finanziari per un problema ormai diventato «strategico» in quanto mette in gioco le istanze di tutta la Slovacchia in materia di amministrazione statale e ordine pubblico.

Il quartiere Lunix IX, progettato per 2.500 abitanti, avrebbe attualmente una popolazione rom di almeno tre volte quel numero, con estreme carenze sociali e condizioni di vita decisamente difficili. Acqua, gas ed elettricità sono state in gran parte tagliate dopo che gli abitanti non pagavano le bollette, né gli affitti. Le malattie come diarrea, epatite, scabbia o meningite sono piuttosto comuni nel quartiere, per non parlare dell’invasione di pidocchi. La disoccupazione locale è stimata essere intorno al 100%.

Le immagini che circolano su Lunik IX sono disarmanti: le strade piene di immondizia e macerie, i palazzi sventrati e decadenti, la gente sciatta ricordano quanto meno scenari di guerra civile. A chi non è più un teenager riportano alla mente immagini, per esempio, di Beirut o Sarajevo. Al di là di questo, la sciatteria e la renitenza al lavoro di questo popolo sono tra i fattori scatenanti dell’odio sociale di cui è vittima. Dopo le violenze pubbliche che hanno subito negli anni scorsi in Ungheria dagli estremisti di destra della Guardia Ungherese, protetti da quello che oggi è il maggior partito dell’arco costituzionale a Budapest, Jobbik (formazione guidata dal Premier Viktor Orban), e altri episodi di minor gravità accaduti in Slovacchia per le intemperanze di Slovenska Pospolitost (la “fratellanza slovacca”, altro movimento di estrema destra più volte sciolto forzosamente), altri incidenti sono occorsi in altri paesi dell’area, anche recentemente. Se nelle ultime settimane venivano riportati attacchi a insediamenti rom in Boemia da parte di bande di estremisti con giubbotti neri e teste rasate (che peraltro avevano anche il sostegno della popolazione locale), è di questi ultimissimi giorni la notizie di una rivolta popolare contro i rom in Bulgaria. Nella cittadina meridionale di Katunitsa si sono registrati due morti e decine di feriti, compresi alcuni poliziotti, e oltre cento arresti. La ragione? L’investimento (che lo ha ucciso, trascinandolo per 15 metri sull’asfalto) di un ragazzo bulgaro da parte dell’auto del leader del clan rom locale, che viaggiava a forte velocità. La popolazione è insorta, chiedendo l’espulsione dell’intero clan zingaro dalla località, e incendiando tre palazzi appartenenti alla ricca e potente famiglia. La Polizia, inizialmente silenziosa, è intervenuta dando la possibilità ai leader del clan di fuggire e arrestando l’autista assassino.

(foto: proprietà dell’autore Geza J.Holzinger, tratta dal sito
http://www.s4c.it/slides/lunikix/index.html#Lunik10)

(La Redazione)

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

novembre: 2017
L M M G V S D
« Ott    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930  

ARCHIVIO

Dal diario di una piccola comunista

pubblicità google