Sindacati dei pensionati: attenzione, il salario minimo non matura nemmeno una pensione minima

Non è possibile per i lavoratori che ricevono salari minimi in Slovacchia, arrivare nemmeno ad ottenere almeno una pensione minima perché i numeri proprio non tornano, hanno detto ieri i rappresentanti del Sindacato dei Pensionati slovacchi (JDS). Anche l’attuale proposta di valorizzare il salario mensile minimo del 3,2% a 327,20 euro non aiuterebbe di molto.

«Il salario minimo è inappropriatamente basso, e ciò si traduce in pensioni che non corrispondono nemmeno a un livello di sussistenza. Riteniamo che ciò non sia sostenibile», ha risposto l’organizzazione JDS alla proposta di modificare il salario minimo a partire dal 2012.

Secondo il sindacato, chi ha lavorato tutta la vita a salario minimo dovrebbe vedere la sua pensione calcolata dall‘assicuratore sociale statale Socialna poistovna a circa 164 euro al mese. «Il Ministero del Lavoro ha impostato il livello di reddito di sussistenza a 189,83 euro. Quindi, un pensionato che ha lavorato tutta la vita si troverà in condizioni di povertà dopo il pensionamento e avrà dunque bisogno del welfare», hanno detto i rappresentanti del sindacato.

Il Governo dovrà prendere una decisione sul salario minimo nella seduta successiva, e il Ministero del Lavoro raccomanda un aumento a 327,20 euro mensili come da legge, nonostante il Ministro stesso, Jozef Mihal, sia dell’opinione che il salario non andrebbe toccato.

(La Redazione)

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.