Il Governo dice sì alle modifiche sulle accise in Slovacchia per il 2012

Dopo l’elaborazione del concetto di lotta contro l’evasione fiscale, il Ministero delle Finanze ha intavolato delle misure specifiche che dovrebbero portare ulteriori 30 milioni di euro nelle casse dello Stato il prossimo anno. Ieri il Consiglio dei Ministri ha adottato un progetto di modifica della legge sulle accise sugli oli minerali. Il progetto è stato adottato con dei commenti e ha approntato alcune modifiche anche ad altre leggi sulle accise.

Il progetto, tra gli altri cambiamenti, ha spostato l’aumento dell‘accisa sui prodotti del tabacco dal 1° marzo 2013 al 1° febbraio 2012. Secondo il Ministro delle Finanze Ivan Miklos, il Gabinetto ha cambiato il progetto originario e l’aumento del 2012 sarà solo parziale, seguito poi dal successivo nel 2013. «Si potranno incamerare 55,7 euro per ogni mille pezzi nella prima fase e 58 nella seconda», ha informato Miklos in dettaglio. Il Ministro ha anche spiegato che l’aumento della tassa in due fasi dovrebbe ridurre le differenze tra i prezzi delle sigarette in Slovacchia e nei paesi circostanti, portando circa 31 milioni di euro nel bilancio dello Stato nel 2012.

Il Ministero ha proposto inoltre di aumentare l’imposta sul gasolio e l’introduzione di una tassa sui lubrificanti e altri oli grazie alla modifica. In aggiunta alle aliquote fiscali in aumento, l’emendamento introduce anche nuove misure per combattere l’evasione fiscale; è prevista infine la creazione di un contesto valido a creare il progetto Unitas per la raccolta unificata di imposte, dazi doganali e prelievi sui salari.

(Fonte webnoviny)

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

novembre: 2017
L M M G V S D
« Ott    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930  

ARCHIVIO

Dal diario di una piccola comunista

pubblicità google