I lavori sulla R1 bloccati per mancanza dei documenti a garanzia dei diritti di proprietà

Un tratto della strada a quattro corsie R1 vicino a Nitra e nei dintorni di Zlate Moravce, che avrebbe dovuto essere pronto per mercoledì prossimo 28 settembre, ha visto invece posticipare la sua data di completamento. E questo già per la seconda volta. Il Ministero dei Trasporti sostiene che il ritardo è da addebitare alla società Granvia, che non ha fornito la documentazione necessaria al Ministero. Oltre a costruire e finanziare la strada, Granvia dovrà anche eseguire i lavori di manutenzione per un periodo di 30 anni, e lo Stato ha l’obbligo di pagare all’azienda per tutti gli impegni un totale di 4 miliardi di euro.

Senza i documenti, il Ministero non può essere aggiornato sulle questioni legate alla proprietà del terreno su cui la strada è stata costruita e se queste sono state risolte. Inoltre, mancano all’appello i documenti riguardanti le norme antincendio che sono soggette all‘approvazione dei vigili del fuoco. «Il Ministero ritiene vincolanti il rispetto della legislazione e dei diritti di proprietà dei detentori del terreno insieme alle norme di sicurezza», ha detto il portavoce del Ministero, Martin Krajcovic.

Il caso R1 ha sollevato un polverone di accuse reciproche tra due leader politici, il presidente Smer-SD Robert Fico, e il Ministro dei Trasporti (KDH) Jan Figel. «Il Governo slovacco ha assolutamente sottovalutato la portata di questa opera, che richiede una maggiore cooperazione degli organi statali con chi ha portato avanti i lavori di costruzione. A causa dell‘impreparazione del Governo slovacco … a causa del fatto che essi non comunicano da un paio di settimane, la gente dovrà aspettare un altro mese per una strada che è già finita [ma non utilizzata]. Questo è uno scandalo», ha detto Fico.

Figel ha replicato che «la società di costruzioni ha confermato che il ritardo è colpa sua. Questa strada è stata la più costosa nella storia della Slovacchia, e Robert Fico [da Premier] ha privato la Slovacchia di decine di migliaia di chilometri di autostrade che avremmo potuto costruire con una spesa annua di 125 milioni di euro per 30 anni. I prezzi dei progetti che vengono scelti oggi negli appalti pubblici sono del 30-50% inferiori ai costi nei contratti stipulati durante il governo di Fico [2006-2010]», sostiene Figel.

(Fonte Hospodarske Noviny)

Rispondi

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

news giorno x giorno

agosto: 2017
L M M G V S D
« Lug    
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031  

ARCHIVIO

pubblicità google