Il Partito Liberale Europeo invita SaS a cambiare posizione sui fondi salva-Euro

Mentre l’Europa sta con il fiato sospeso nell’attesa che la Slovacchia dica la sua sui fondi di emergenza per salvare (prima la Grecia e poi) la Zona Euro, non ci sono soltanto i partiti della Coalizione slovacca al Governo a cercare di convincere i recalcitranti liberali di Libertà e Solidarietà (SaS) a sostenere le modifiche al Fondo europeo di stabilità finanziaria (EFSF) e al Meccanismo europeo di stabilità (ESM). Anche il Partito Europeo dei Liberali, Democratici e Riformatori (ELDR), del quale SaS è entrato a far parte lo scorso anno, sta facendo pressione sulla formazione capeggiata da un riottoso Richard Sulik, e gli ha inviato una lettera, come ha ammesso la portavoce del partito Tatiana Tothova.

Per il momento non ci sono reazioni da parte di SaS, ma Sulik, appena ieri, ha difeso gli argomenti del suo partito in un talk show della televisione austriaca ORF. Sulik ha detto agli austriaci che aiutare la Grecia non porta da nessuna parte perché la creazione di ulteriore debito non risolverà la situazione, e l’unica soluzione è il fallimento (controllato) della Grecia.

Intanto, quella del Ministro delle Finanze Ivan Miklos (SDKU-DS) è la prima voce di un certo peso che considera ragionevole (cioè, che lo dice a voce alta) un accoppiamento del voto sull’incremento dei fondi di emergenza finanziaria europei con un voto di fiducia al Governo. Lo ha detto parlando del futuro della Zona Euro in una conferenza sulle riforme tenutasi ieri a Bratislava. Il Ministro accusa SaS di aver preso una posizione populista, accodandosi al sentimento popolare piuttosto che capire a fondo le consequenze del proprio agire, che potrebbe avere ripercussioni molto negative per il Paese e per la sua credibilità internazionale.  Miklos ha avvertito che la decisione su EFSF e ESM va presa entro l’11 ottobre.  A Miklos ha risposto Richard Sulik, presente alla stessa conferenza, che ha accettato di definirsi populista «se facciamo quello che i nostri elettori ci chiedono di fare», ha detto., riconfermando la posizione negativa e ferma del suo partito verso il tema, che non cambierà, preavvisando un voto contro in Parlamento.

Il Presidente della Repubblica Slovacca, Ivan Gasparovic, ha invitato i parlamentari ad essere consapevoli delle loro responsabilità nella ratifica delle modifiche ai fondi di stabilità finanziaria, e ha assicurato che avrebbe ancora una volta incontrato i leader di tutti i partiti dell’orizzonta parlamentare, o parlato direttamente a singoli deputati.

(La Redazione)

Rispondi

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

news giorno x giorno

agosto: 2017
L M M G V S D
« Lug    
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031  

ARCHIVIO

pubblicità google