Riforma pensioni: resistenze anche nella maggioranza che sostiene il Governo slovacco

Secondo il giornale quotidiano Pravda, i lavoratori che sono oggi tra i 40 e i 50 anni sono trattati dal Governo come cavie. L’Esecutivo sta infatti elaborando un’altra serie di modifiche non-sistemiche al sistema pensionistico, è scritto in un articolo dell’edizione odierna con titolo in prima pagina. Il Governo, tra i tanti provvedimenti pensati per un forte recupero del deficit di bilancio in tempi brevi, si appresterebbe secondo il giornale a introdurre misure per cui, tra l’altro, il modello di calcolo delle pensioni dovrebbe essere cambiato e l’età pensionabile dovrebbe essere aumentata. In più, verranno anche cambiate le condizioni per la concessione di prestazioni pensionistiche.

Al contrario delle certezze mostrate dal Ministro del Lavoro Jozef Mihal (Libertà e Solidarietà / SaS), una parte della Coalizione di centrodestra che oggi sta al Governo, e anche tutta l’opposizione en-bloc reputano che la revisione ministeriale non è stata preparata a sufficienza. E puntano il dito sulle prevedibili ripercussioni negative. Secondo l’ex Sottosegretario al Lavoro Michal Horvath, che era uno degli autori della riforma del sistema pensionistico varata nel 2004 (ai tempi del secondo Governo Dzurinda supportato da una Coalizione simile a quella di oggi), forse nemmeno lo stesso Governo crede che i cambiamenti potranno durare a lungo. Molte delle modifiche, secondo lui, potrebbero essere annullate ancora prima di entrare in vigore. Secondo Horvath, il nuovo sistema darà vantaggi a chi oggi non deve versare i contributi sociali e ai gruppi a basso reddito. Chi invece oggi ha una buona remunerazione, cioè paga gran parte dei contributi sociali allo Stato, sarà tra i più colpiti dalla riforma.

(Fonte Pravda)

Rispondi

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

news giorno x giorno

agosto: 2017
L M M G V S D
« Lug    
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031  

ARCHIVIO

pubblicità google