Migliaia di insegnanti in protesta davanti al Governo: «Pronti allo sciopero, vogliamo una scuola con standard europei»

Oltre 9.000 insegnanti provenienti da tutta la Slovacchia si sono uniti ieri in protesta davanti al palazzo del Governo. Il motivo del raduno risiede nelle ormai conclamate carenze del sistema scuola del Paese e nella penosa retribuzione degli insegnanti. E in tanti ormai non ne possono più. «Non abbiamo neppure i libri di testo, va tutto male, non è solo una questione di stipendi. Ci si aspetta molto da noi, ma non abbiamo le condizioni» per soddisfare tali richieste, ha commentato un insegnante venuto da Lucenec (regione di Banska Bystrica).

«I sotto-finanziamenti all‘istruzione e l‘insufficiente livello della remunerazione sono le due questioni principali che vogliamo discutere con il Governo», ha detto il presidente del sindacato degli insegnanti Jozef Luzak, aggiungendo che sono pronti ad altre e differenti proteste se il Governo non mostrasse di ascoltarli. «Il Primo Ministro [Iveta Radicova] studierà le richieste e se [gli insegnanti] le chiederanno un incontro essi riceveranno una risposta», ha detto il portavoce della Radicova, Rado Bato.

Secondo Ctibor Kostal, esperto di sistema educativi dell’Istituto Slovacco per la Governance, è un  bene che gli insegnanti delle scuole elementari e superiori abbiano, alla fine, alzato la voce e siano riusciti a organizzare una protesta seria, ma questa iniziativa avrebbe dovuto verificarsi molto tempo prima. Quando si tratta di aumentare gli stipendi degli insegnanti, è legittimo lottare per questo. «La valutazione finanziaria degli insegnanti deve essere motivante e dovrebbe rispecchiare l’importanza della formazione», ha detto Kostal.

Il Ministro dell’Istruzione, Eugen Jurzyca, si rifiuta invece di ascoltare le richieste dei docenti e sostiene che lo Stato al momento non è in grado di dare copertura finanziaria a questi problemi.

Va in controtendenza la Regione di Bratislava, che ieri ha annunciato l’aumento degli stipendi nelle scuole gestite direttamente di ben il 14,5% in media a partire dal 1° gennaio 2012, almeno per le posizioni manageriali. Il Governatore della Regione, Pavol Freso, lo ha annunciato dopo aver incontrato i direttori delle scuole insieme al Ministro Jurzyca. Secondo l’Ufficio di Statistica slovacco, lo stipendio medio mensile nel 2010 nella regione di Bratislava era di 1.116 euro, mentre la paga degli educatori era in media di 744 euro.

La Regione di Bratislava gestisce 58 scuole secondarie nelle quali lavorano circa 3.000 dipendenti, dei quali oltre 2.100 sono insegnanti.

(La Redazione)

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

novembre: 2017
L M M G V S D
« Ott    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930  

ARCHIVIO

Dal diario di una piccola comunista

pubblicità google