Bratislava ha commemorato la tragedia USA dell´undici settembre

Gli slovacchi hanno preso parte a una cerimonia per la commemorazione del decimo anniversario dell’11 settembre 2011 che si è tenuta ieri a Bratislava con la partecipazione del Sindaco di Bratislava Milan Ftacnik che ha incontrato allo scopo la scorsa settimana l’Ambasciatore degli Stati Uniti in Slovacchia, Theodore Sedgwick. L’evento è stato organizzato dall’Ambasciata degli Stati Uniti, in collaborazione con la città di Bratislava e ha avuto inizio alle 14:45, simbolicamente il momento in cui il primo aereo colpì il World Trade Center di New York. Le campane della cattedrale di San Martino e di altre chiese della capitale slovacca hanno risuonato simultaneamente proprio in quel momento.

«Si è trattato di un’espressione di solidarietà con le vittime di questa tragedia e le loro famiglie Allo stesso tempo, abbiamo commemorato anche le vittime di altri attacchi terroristici che sono avvenuti da allora in altri paesi, il più recente in Norvegia questa estate. Le campane di tutte le chiese a Bratislava oggi hanno suonato in sintonia», ha detto Jozef Halko, portavoce dell’Arcivescovo cattolico di Bratislava Stanislav Zvolensky. Questa azione è stata condivisa anche da tutte le chiese protestanti a Bratislava – nei quartieri di Petrzalka, Raca, Prievoz e Rusovce, cosa apprezzata dall’Ambasciatore Sedgwick, che ha incontrato il capo della chiesa luterana slovacca Milos Klatik e ha partecipato al servizio domenicale luterano dedicato alle vittime che si è tenuto presso la Chiesa di via Panenska, tenendo un discorso ai partecipanti.

Gli eventi del nine-eleven hanno rappresentato un attacco contro la civiltà occidentale, i suoi valori e il suo stile di vita, ma questa data rimane anche una testimonianza di eroismo, umanità e di solidarietà internazionale con gli USA, ha detto il Ministero degli Affari Esteri della Slovacchia in una dichiarazione. Il Ministro degli Esteri Mikulas Dzurinda ha inviato una lettera al Segretario di Stato Hillary Clinton: «La Slovacchia non dimenticherà mai quegli attacchi terroristici. Così come ricordiamo le vite che sono andate perdute e segnate [da quell’evento], ricordiamo anche le grandi storie di eroismo e di umanità che seguirono [gli attacchi]», ha scritto Dzurinda, che ha anche assicurato che la Slovacchia rimane un alleato affidabile e vicino agli Stati Uniti e che valuta come eccellente il livello di cooperazione tra i due paesi.

Lo stesso Mikulas Dzurinda ha detto ieri alla TV all-news slovacca TA3 (che ha dedicato almeno tutto il pomeriggio alle cerimonie in corso a New York e a mostrare commenti e filmati della sciagura del 2001) che il mondo democratico non può lottare contro una follia come il terrorismo solo con le parole. «Dobbiamo fare sacrifici in modo che i nostri bambini possano avere una chance in futuro … Gli Stati Uniti hanno dovuto dimostrare molta determinazione per affrontare questa minaccia. La comunità internazionale ha poi confermato che non c’è altra alternativa. Credo che stiamo affrontando la minaccia del terrorismo [con una dose di successo], ma non possiamo dire che l’abbiamo sconfitto», ha detto Dzurinda.

(La Redazione)

Rispondi

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

news giorno x giorno

agosto: 2017
L M M G V S D
« Lug    
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031  

ARCHIVIO

pubblicità google