I corsi di inglese obbligatori introdotti nelle scuole primarie slovacche sono di bassa qualità

I corsi obbligatori di inglese sono stati introdotti nelle scuole primarie a partire dalla terza elementare nel nuovo anno scolastico cominciato il 5 settembre, ma gli esperti stanno esprimendo serie preoccupazioni circa la loro qualità. Secondo le regole attuali, basta essere diplomato in un liceo inglese per essere in grado di insegnare agli alunni delle prime classi della scuola primaria. Anna Butasova dell’Università Comenius ha detto che tali bassi requisiti hanno portato ad una situazione in cui praticamente nessuno è in grado di insegnare la lingua straniera. E aggiunge che tale cattivo insegnamento può danneggiare seriamente gli alunni. «I primi periodi scolastici sono cruciali. Se questi bambini imparano cattive abitudini, non saranno mai in grado di sbarazzarsene» ha detto.

Zuzana Zimenova dell’Istituto M.R. Stefanik è d’accordo con la Butasova. Ha detto che l’istituto un anno fa (quando il Governo stava discutendo la questione) aveva avvertito che con l’introduzione dei corsi di inglese obbligatori dalla terza elementare, le scuole primarie mancheranno di circa 2.000 insegnanti di inglese.

I dati divulgati dall’Istituto Nazionale per l’Educazione nel Rapporto sulla qualificazione dei docenti e il suo impatto sull’insegnamento della lingua straniera pubblicato nel 2010 sono a sostegno di questi problemi. Secondo il rapporto, un “insegnante di lingua qualificato” può variare e comprendere chiunque sia in possesso di un diploma di laurea per l’insegnamento e abbia superato un esame in lingua inglese a chiunque abbia qualche “conoscenza pratica” del soggetto, anche se non ha mai studiato inglese o metodologia dell’insegnamento in quanto tale.

La discussione sull’inglese obbligatorio scopre altre questioni circa il sistema educativo slovacco. Molti studenti universitari che studiano l’insegnamento della lingua inglese non intendono poi insegnare dopo la laurea. In un sondaggio, effettuato all’inizio di quest’anno da Lynda Steyne del Dipartimento di Studi inglesi e americani presso l’Università Comenius e inviato a tutti i programmi di istruzione superiore della lingua inglese nel Paese, risulta che solo il 24,3℅ degli studenti intervistati ha dichiarato di voler salire in cattedra.

Il primo deterrente citato dagli intervistati sono i soldi. La retribuzione lorda per un primo anno da insegnante di scuola primaria o secondaria in Slovacchia è 499 euro al mese, 250 euro in meno della media nazionale. Il secondo motivo più citato è stato il basso status degli insegnanti nella società. Uno studio condotto da Eva Homolova, Professore Associato presso il Dipartimento di Studi inglesi e americani presso l’Università Matej Bel di Banska Bystrica, sostiene questa opinione, in quanto il personale docente negli ultimi anni è sostituito da una forza lavoro meno qualificata, turn-over che ha portato ad una certa degradazione della professione.

(Fonte Tasr, The Slovak Spectator)

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

novembre: 2017
L M M G V S D
« Ott    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930  

ARCHIVIO

Dal diario di una piccola comunista

pubblicità google