SaS pubblica pieghevole contro i fondi di emergenza europei. L’Europa si preoccupa


Si stanno scaldando i muscoli in Slovacchia per la battaglia sui fondi di salvataggio dell’Euro. Libertà e Solidarietà (SaS), partito chiave della Coalizione che sostiene il Governo, e che è fortemente contro ogni sistema di salvataggio, ha prodotto un opuscolo dove indica i suoi motivi per rifiutare la rete di sicurezza per il bail-out dei paesi dell’Eurozona, ha informato ieri il capo del partito e Presidente del Parlamento Richard Sulik in una conferenza stampa.La pubblicazione di 16 pagine elenca le nostre argomentazioni, ha detto Sulik. È pensato per gli esperti, per il pubblico in generale, e anche per i parlamentari della Coalizione e dell’opposizione. Esso indica che i meccanismi finanziari temporaneo e permanente ( EFSF e ESM) rappresentano «un cammino verso il socialismo». Il partito consegnerà l’opuscolo ai suoi partner della Coalizione sperando che li convincerò ad aderire al punto di vista di SaS. «Siamo certi che i nostri partner alla fine si impegneranno a proteggere i contribuenti slovacchi», ha detto Sulik.Il Governo mercoledì aveva approvato le modifiche relative al Fondo europeo di stabilità finanziaria (EFSF), come concordato dai leader dei paesi della Zona Euro il 21 luglio. I quattro Ministri di SaS hanno però votato contro.Intanto il Presidente Ivan Gasparovic ha firmato sempre ieri i documenti necessari ad autorizzare il Ministro delle Finanze Ivan Miklos a firmare il nuovo allegato al quadro dell’accordo EFSF a Bruxelles, che garantisce l‘aumento della capacità dell‘EFSF ed estende i suoi poteri e la flessibilità. L’allegato ha le caratteristiche di un trattato presidenziale che è, come previsto dalla Costituzione, un trattato internazionale e la sua esecuzione richiede l’emanazione di una legge. Pertanto, l’allegato verrà inviato al Parlamento per l’approvazione e la successiva ratifica da parte del Presidente.

Il voto in Parlamento è per il momento piuttosto incerto, vista la reticenza dei liberali, senza i quali non sarà ratificato. Il maggior partito dell’opposizione, il socialdemocratico Smer-SD, ha ripetuto più volte che non avrebbe votato a favore a meno che la Coalizione non garantisca da sola i 76 voti necessari in Parlamento per la maggioranza. E questo nonostante proprio Robert Fico, leader dello Smer, avesse firmato il primo impegno per l’EFSF la primavera dell’anno scorso.E in Europa queste schermaglie interne vengono prese piuttosto sul serio, e danno già per spacciata la Grecia, che sta aspettando il secondo pacchetto di aiuti finanziari. Atene chiede che i fondi vengano deliberati al più presto, ma d’altro canto non è in grado di far fronte agli impegni che essa stessa si era data per la stabilizzazione del Paese e garantire i creditori, e invece aumentano di settimana in settimana le sue oggettive difficoltà. Come ricorda anche il Corriere della Sera di ieri, la Slovacchia è il Paese più povero dell’Unione dopo l’Estonia e a gran parte della popolazione sembra ingiusto dovere aiutare paesi più ricchi e che hanno vissuto al di sopra delle proprie possibilità come la Grecia, visti anche i sacrifici per essere nell’Euro richiesti alla popolazione, e i tanti tagli e inasprimenti che anche oggi il Governo deve fare per ridurre il disavanzo del bilancio statale di parecchi punti (dall’8% dello scorso anno al 3% nel 2013).

Sulik dice che non ha senso curare la crisi del debito creando un nuovo debito. E la Slovacchia non è l’unica a mettersi di traverso, la Finlandia (Paese invece ricco) ha chiesto ad Atene garanzie collaterali in cambio della sua quota di aiuti, richiesta che ha subito sentito l’eco di altri paesi pronti a chiedere misure simili, e invece la Commissione Europea che si mette le mani in testa sapendo che questo andazzo porterà a un nulla di fatto La prossima riunione dell’Eurogruppo che dovrebbe dirimere la questione è prevista per il 16 settembre.

(La Redazione)

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

novembre: 2017
L M M G V S D
« Ott    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930  

ARCHIVIO

Dal diario di una piccola comunista

pubblicità google