Che programma potrebbe avere una coalizione di centro-destra?

Tra le priorità di un probabile governo di centro-destra, si leggeva sul quotidiano Pravda di ieri, ci saranno cambiamenti nella sfera degli affari sociali e della sanità. Quasi certamente un governo di tale specie rivedrà la riforma del Codice del Lavoro realizzata dal gabinetto uscente. Uno dei cambiamenti più probabili sarà una semplificazione delle norme che permettono ai datori di lavoro il licenziamento dei dipendenti, dunque minori garanzie per i lavoratori, e l’utilizzo di contratti a tempo determinato fino a tre anni.

Il maggior partito di centro-destra, SDKU-DS, ha promesso l’incremento del congedo di maternità a un anno, l’aumento delle prestazioni per le famiglie, e l’introduzione del congedo di paternità. Potrà essere possibile applicare salari inferiori al minimo di legge per lavoratori con basse qualifiche, che però riceveranno contributi statali.

I Cristiano Democratici di KDH vorrebbero prestazioni superiori e più sostegno per i disoccupati di età più anziana, e pensioni anticipate anche se i pagamenti non raggiungono 1,2 volte il livello di sussistenza. Il partito Sas invece si concentrerebbe sulla riforma del sistema delle detrazioni.

Pur d’accordo su molti temi, ci sono però alcune questioni sulle quali i partiti di centro-destra sono in totale disaccordo. «È una unione un po’ stridente di conservatori, moderati, cristiano democratici e liberali, e hanno certamente differenze tra di loro» dice l’analista politico Grigorij Meseznikov, che ricorda comunque come questo non ha impedito una simile alleanza di formare un governo nel 2002, e non dovrebbe dunque essere di per sè ragione di instabilità.

Le differenze appaiono essere in particolare nella sfera etno-culturale. L’approccio del partito ungaro-slovacco Most-Hid sulle questioni delle minoranze (etniche) è probabile che divergerà da quello dei partiti slovacchi, che non hanno nemmeno accennato nei loro programmi alla minoranza ungherese, ha detto Meseznikov.

Le maggiori differenze, comunque, ricorda sempre Pravda, sono tra i Cristiano Democratici (KDH) e i liberali di Libertà e Solidarietà (SaS). Questi ultimi vogliono cancellare l’obbligo di educazione religiosa nelle scuole,  cosa per la quale KDH ha invece combattuto a favore nel passato. KDH vorrebbe anche un patto speciale per le relazioni con il Vaticano, quando SaS è contro qualunque accordo che limiti la sovranità della Slovacchia. Altri temi di dissenso sono il finanziamento statale della Chiesa, il principio di separazione tra Chiesa e Stato e le unioni civili per le coppie omosessuali.

(Fonte Pravda, a cura della Redazione)

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

dicembre: 2017
L M M G V S D
« Nov    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

ARCHIVIO

Dal diario di una piccola comunista

pubblicità google