URSO: avanti la lotta antifrode sul fotovoltaico, contestati per ora impianti per 50 MW

L’Ufficio per la regolamentazione delle industrie di rete (URSO) continua a controllare le potenziali frodi sugli impianti solari costruiti di recente. Ad oggi, l’autorità ha trasmesso cinquanta mozioni all’Ufficio del Procuratore Generale. La produzione elettrica delle strutture contestate supera i 50 MW, per le quali il regolatore ha trovato violazioni di legge in alcuni soggetti durante le ispezioni. Come risultato, per questi impianti non sarà concesso il contributo sul prezzo, ovvero non ci sarà alcun prezzo d’acquisto garantito dell’energia elettrica prodotta.

Al 5 settembre l’autorità ha controllato 404 impianti fotovoltaici. Le verifiche si sono concluse in 286 installazioni, e l’ufficio sta ancora lavorando su 118 casi. Altre centrali verranno controllate prossimamente.

La generazione di energia elettrica nelle centrali fotovoltaiche non ha raggiunto il volume previsto, rimanendo a circa il 25% al di sotto delle stime, che prevedevano un output di 478 MW. La minore produzione di elettricità potrebbe riflettersi in una riduzione del 12% del tasso di operatività del sistema, il che potrebbe far scendere il prezzo finale dell’energia elettrica dell’1,5% che si rifletterebbe ben poco sulle bollette dei consumatori. Il regolatore è convinto che l’utilizzo di un sistema di minori tassi di funzionamento per fissare i prezzi dell’energia dal 1° gennaio 2012 sarà più vantaggioso, e il prezzo pagato dalle famiglie potrebbero scendere in maniera significativa l’anno prossimo.

I media hanno segnalato quest’estate una presunta frode sugli impianti ad energia solare dopo aver scoperto che alcune strutture esistevano solo sulla carta alla fine di giugno, scadenza per la qualificazione a ottenere il prezzo di acquisto garantito per l’elettricità da impianti completati entro tale data. Gli investitori che non hanno rispettato tale termine non riceveranno 380 euro per MW, ma sette volte di meno.

(Fonte Sita)

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.